Cinque donne del Sud
Roma, 28-29 Ottobre 2019

Cinque donne del sud - Roma, Sala Umberto, 28-29 ottobre 2019

In scena alla Sala Umberto, per due giornate, l’originale opera di Francesca Zanni,  interpretata da Beatrice Fazi. Una sola attrice per un monologo che fa rivivere cinque donne e cinque generazioni, ognuna con le sue peculiarità e caratteristiche, specchio di una società che negli anni ha visto cambiare il ruolo della donna nel suo essere moglie, madre, lavoratrice, cittadina del mondo.

Lo spettacolo accompagna lo spettatore in un viaggio che inizia nel 1887, nella vita contadina del Sud d’Italia dove il brigantaggio stenta ad essere sconfitto, passando per le grandi emigrazioni verso l’America in cerca di “fortuna”; si rivive la folle esperienza di Woodstock, la lotta per l’emancipazione femminile, la “leggerezza” dei valori degli anni ’90 del secolo scorso per arrivare, nel 2018, all’adolescente iperconnessa che ha già le idee chiare su quello che desidera.

Ogni donna rappresenta il suo tempo e la società nella quale vive, ma in tutte è presente il filo conduttore del sentimento e della maternità che, a dispetto delle mode e dei tempi, gioca sempre un ruolo importantissimo nella vita femminile e nel quale lo spettatore si può identificare e confrontare, sia in prima persona, che tramite donne che nella vita ci sono passate accanto: la madre del sud che non sopravvive alle troppe gravidanze, la femminista aggressiva che rivendica il suo ruolo nella società, la pacifista convinta “figlia dei fiori”, la manager rampante, la liceale incollata al suo smartphone.

Interessante la regia di Francesca Zanni che ha saputo ripercorrere oltre cento anni di storia e di conquiste  attraverso specifici elementi significativi. Primo tra tutti il linguaggio, che, anche grazie alla consulenza linguistica di Grazia Serra, Grazia Giardiello e Maria Vitagliano ed alla apprezzabilissima interpretazione di Beatrice Fazi, ha consentito di dare personalità ad ogni donna rappresentata, collocandola in uno specifico contesto storico, geografico e culturale. Significative anche le immagini proiettate sullo sfondo che hanno scandito il ritmo del tempo attraverso la rievocazione della memoria storica di fatti e personaggi. La scenografia volutamente scarna – un semplice baule dal quale escono oggetti ed abiti d’epoca – non ha concesso distrazioni, lasciando l’attenzione centrata sul personaggio che di volta in volta è rappresentato. Infine la colonna sonora, che, rievocando un secolo di generi musicali diversi, coinvolge lo spettatore in questo lungo viaggio “al femminile”.

Le Cinque donne del sud piacciono, intrigano, emozionano, suscitano ricordi, mostrano la loro forza ma anche la loro fragilità, soprattutto non perdono quell’attaccamento alle radici che attraversa trasversalmente tutte le generazioni rappresentate.

Il tutto in un’ora e mezza di monologo decisamente piacevole ed emozionante.

 

 


 

CINQUE DONNE DEL SUD

di FRANCESCA ZANNI

con BEATRICE FAZI

costumi FABRIZIA MIGLIAROTTI
disegno luci GIUSEPPE FILIPPONIO
dance concept e aiuto regia NATASHA BUONO
organizzazione e distribuzione ELEONORA TRIPODI
ufficio stampa MAYA AMENDUNI

foto e locandina TERESA CALABRESE
consulenza linguistica GRAZIA SERRA, GRAZIA GIARDIELLO, MARIA VITAGLIANO

Regia di FRANCESCA ZANNI

Produzione di TREBISONDA

Data: 28 e 29 Ottobre 2019
Luogo: Roma - Sala Umberto

 

 

 


Clicca qui per mostrare altri articoli di Valeria Lupidi

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.