Manola
Roma, Teatro Parioli, 18-22 maggio 2022

Opera particolarmente consigliata a chi subisce il fascino degli articolati meccanismi ai quali è assoggettata la psiche umana, con la componente addizionale afferente alla complessità stratificata propria dell'universo femminile. Il romanzo di Margaret Mazzantini, edito nel 1992, pare perfettamente rappresentato nella compagine teatrale anche grazie ad un cast assai indovinato. 
Nancy Brilli è Anemone, donna consapevole della propria bellezza, perfettamente in grado di determinare ascendenze fascinose e magnetiche verso il mondo maschile; Chiara Noschese è Ortensia, sorella gemella piena di insicurezze e fragilità.
Va innanzitutto evidenziato che le due attrici manifestano, alla lunga distanza, la incredibile capacità di ribaltare le connotazioni caratteriali dei personaggi da loro interpretati.
Più nel dettaglio, la Noschese, a parere di chi scrive, è la vera protagonista della piéce, giacchè tutto pare ruotare attorno a lei: recita in più dialetti e cambia il substrato emotivo in base al personaggio che evoca (la psicologa calabrese, il fidanzato romano, se stessa, persone occasionali), proponendo quindi, e sempre senza alcuna soluzione di continuità, un repentino scenario di rappresentazioni che offrono suggestioni in bilico tra risate e commozione.
La Brilli pare incarnare il ruolo di mera spalla, pur vestendo i panni, se non dell'antagonista, quantomeno della sorella schierata in posizione di supremazia psicologica, sempre in termini di mera frapposizione. Eppure, sul finire, il regista confeziona per lei un intermezzo drammatico che suscita ammirazione incondizionata, peraltro interpretato, cosa assai ardua, subito dopo il susseguirsi di interventi a vocazione esclusivamente brillante: il pezzo de quo è l'unico dell'intera pièce che coinvolge voce e corpo talché l'attrice si lamenta, urla, piange fino allo stordimento, arrivando a carambolare in terra, ove permane totalmente sfinita una manciata di secondi. Questi paiono scanditi dal suo stesso respiro affannoso, come un conto alla rovescia che preluda ad un finale irreversibile. E' una parentesi tanto inaspettata quanto affascinante.
Infine, la Manola evocata più volte, a partire dal titolo, non può identificarsi con la quarta parete (come viene asserito sia nei comunicati stampa, sia da certa critica teatrale già presente in rete), la quale, infatti, non viene mai infranta, essendo una donna con un'entità assente ma non estranea, contenitore dei disagi interiori e dei tumulti emotivi vissuti dalle due gemelle.
La regia di Leo Muscato è particolarmente efficace, perché supera due difficoltà: la prima afferisce alla commistione tra dramma e ironia, un connubio non sempre facile da bilanciare; la seconda è legata alla capacità di interpretare correttamente l'universo femminile, pur in un contesto spesso parodistico, talvolta caricaturale. 
A titolo squisitamente propositivo, ci permettiamo di rilevare che le due donne interagiscono pochissimo tra loro (assai contenute, tra di loro, le occasioni di scambio in seconda persona) e ciò comporta, talvolta, una certa disorganicità nei dialoghi, circostanza che, pur lieve, rappresenta l'unico neo dell'opera tutta. 


Questa recensione si riferisce alla rappresentazione del 18 maggio 2022



MANOLA

con Nancy Brilli e Chiara Noschese

di Margaret Mazzantini
regia Leo Muscato
produttore esecutivo Michele Gentile
organizzazione Carmela Angelini
produzione Enfi Teatro – Artisti Riuniti – Il Parioli

Teatro Parioli

via Giosuè Borsi 20
Roma
tel. 06/5434851

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Orario di apertura

Martedì, Mercoledì, Venerdì 10.00–13.30/14.30–19.00,
Giovedì 10.00–19.00.

Sabato e Domenica 12.00–19.00.
Lunedì riposo.


Nei giorni di spettacolo serale la biglietteria è attiva esclusivamente per la recita del giorno stesso


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.