Bill Bruford's Earthworks
Video Anthology Vol. 2: 1990’s

Stampa

Quando gli Earthworks Mark I, vale a dire la prima incarnazione dei Bill Bruford's Earthworks attuali, fecero la loro prima apparizione nel lontano 1987, il loro orientamento musicale nell'improvvisazione ed il ricorso alla tecnologia più all'avanguardia, davano motivo all'ascoltatore di richiamare alla mente alcuni dei lavori di Bill Bruford realizzati con i King Crimson nei primi anni ottanta.

Ma anche se Bruford, a questo punto della sua carriera, stava lavorando già da qualche anno con un equipaggiamento misto di batteria acustica ed elettronica, nessuno poteva ancora essere preparato alla sua batteria accordata: tamburi elettronici che potevano essere programmati con accordi reali, il che permetteva a Bruford di stendere all'occorrenza una base non solo ritmica ma anche armonica, come si può costatare chiaramente sul primo brano di questo secondo DVD Video Anthology Vol. 2: 1990’s, l'orecchiabile Up North.

La prima versione degli Earthworks, come testimonia questo documento della Summerfold, è soprattutto una descrizione dell'inesauribile impegno di Bill Bruford nella ricerca dei migliori musicisti in grado di accompagnarlo nella prima configurazione del progetto. La scelta ricade alfine sul tastierista e specialista del corno Django Bates e sul sassofonista Iain Ballamy.
Entrambi provengono da carriere soliste di successo e non hanno bisogno di mettersi in mostra, ma osservare questo gruppo arricchito dalle loro presenze costringe lo spettatore realmente a stropicciarsi gli occhi per lo stupore.
Senza ombra di dubbio il loro interplay con i tamburi accordati di Bruford in molti dei pezzi lascia pensare ad una musica decisamente più rigida nelle strutture rispetto a quella proposta dagli Earthworks Mark II.

C'è poi una apertura maggiore di spazi destinati alle fasi soliste, ed è considerevole l'impegno di Bruford nello svolgere il ruolo di drive ma anche nel mettersi al servizio della band durante i cambi di accordo.
Probabilmente i risultati più interessanti vengono raggiunti da Bruford quando ricorre alla sezione acustica del suo kit, assicurando assieme a Bates l'accompagnamento durante i soli di Bellamy.
Poichè gli Earthworks Mark II si sono formati nei tardi anni novanta, il DVD propone anche uno show nel quale figura la lineup con Clahar, Hamilton ed Hodgson nella sua forma ancora sperimentale.

Forse a segnare la differenza più marcata tra le due formazioni degli Earthworks è proprio questo secondo DVD, nel quale ogni gruppo chiude il relativo set con il pezzo composto dal trittico Bruford/Ballamy/Bates, Bridge of Inhibition.
Un brano questo, con un tema dervish che si infrange in soli individuali dei musicisti. In qualche modo rappresenta la pietra di paragone delle diverse anime che albergano nei due Earthworks, soprattutto nella esposizione degli effetti musicali di un approccio nei confronti della improvvisazione più aperto.
Questa composizione, più di ogni altra nell'intero repertorio di entrambe le forme della band di Bruford, fornisce la prova più schiacciante di come egli sia dotato di una versatilità nel suonare in grado di allontanare ingombranti (e fuori luogo) paragoni con il lavoro precedentemente svolto quale batterista dei King Crimson e degli Yes ma anche con le sue produzioni soliste risalenti ai primi anni ottanta.
Inoltre, data la rarefazione delle prove dal vivo degli Earthworks in Europa negli ultimi anni per motivi finanziari e logistici, questi due volumi filmati costituiscono una testimonianza preziosa di un ottimo progetto musicale.

85/100


Bill Bruford: Percussioni (1-8), Batteria (9-11)
Django Bates: Tastiere (1-8)
Iain Ballamy: Sassofono (1-8)
Tim Harries: Basso (1-8)
Patrick Clahar: Sassofono (9-11)
Steve Hamilton: Piano (9-11)
Mark Hodgson: Basso (9-11)

Anno: 2007
Label: Summerfold Records
Genere: Jazz

Tracklist:
01. Up North
02. All Heaven Broke Loose: (a) Psalm; (b) Old Song
03. Stromboli Kicks
04. Bridge of Inhibition
05. Emotional Shirt
06. Candles Still Flicker In The Dark
07. Nerve
08. Pigalle
09. Never The Same Way Once
10. Some Shiver While He Cavorts
11. Bridge of Inhibition (Alternative Version)

 

Sito web:
Bill Bruford
Bill Bruford @MySpace

 

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.