Home Recensioni Masterpiece The Allman Brothers Band - Idlewild South

The Allman Brothers Band
Idlewild South

In origine era la Allman Brothers Band, di nome e di fatto. La nascita del southern sta qui: country, blues e corpose infarciture di rock, suonate con cervelli e mani fortemente protesi alla jam collettiva.

Dopo un primo omonimo album i cui le marcate connotazioni rock-blues emersero a fatica in una fascia di mercato già monopolizzata da Eric Clapton e compagnia, questa seconda fatica discografica presenta sonorità in bilico tra ascendenze quasi bucoliche - tanta la vicinanza al genere country (vds, in tal senso, "Midnight rider” o “Revival”) - e blues di stampo classico (obbligatorio, in tal senso, citare il classico "Hoochie Coochie Man” a firma di Willie Dixon, e "In memory of Elizabeth Reed”, che, pur essendo composto da Dickey Betts, un classico lo sarebbe diventato prestissimo).
L'album evidenzia la pregiatissima propensione del gruppo alle lunghe jam, poi esasperata e sublimata in “Live at Fillmore East”, epocale doppio album che rese famosa la band in tutto il globo.

Quasi meno marcato, in quanto a sonorità, soprattutto se confrontato al citato esordio, “Idlewild South” è certamente dotato di maggiore personalità: originale e concreto in termini compositivi, non soltanto contiene due pezzi entrati nella storia del rock (uno è il citato “In memory of Elizabeth Reed”, l'altro è "Midnight Rider"), ma fu anche il trampolino di lancio per le collaborazioni di Duane Allman con Eric Clapton nella indimenticabile formazione “Derek and Dominos” (il chitarrista inglese rimase così colpito dal sound della band, da volere il biondo chitarrista nel suo album del 1970 "Layla and Other Assorted Love Songs").

In conclusione, è questo il primo disco da consigliare ai neofiti, tanto per la sua immediata fruibilità - ma sempre parlando di altissima qualità - quanto per la sublime ed innata capacità di saper tratteggiare il nascente genere southern, pur di derivazione bluesy, con l'unico difetto di durare poco meno di 31 minuti, troppo poco anche per gli standard limitati del vinile.



Duane Allman: chitarra solista, chitarra acustica, chitarra slide
Dickey Betts: chitarra solista
Greg Allman: organo, pianoforte, voce (eccetto nel brano: Hoochie Coochie Man)
Berry Oakley: basso, voce solista (solo nel brano: Hoochie Coochie Man)
Jai Johanny Johanson: batteria, congas, timbales, percussioni
Butch Trucks: batteria, timpani
Ospite:
Thom Doucette: armonica, percussioni

Anno: 1970
Label: Capricord
Genere: Southern Rock

Tracklist:
01. Revival
02. Don't Keep Me Wonderin'
03. Midnight Rider
04. In Memory of Elizabeth Reed
05. Hoochie Coochie Man
06. Please Call Home
07. Leave My Blues at Home

Clicca qui per mostrare altri articoli di Gianluca Livi e Bartolomeo Varchetta

Banner

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.