Home Recensioni Masterpiece Agorà - Live in Montreux

Agorà
Live in Montreux

La formula proposta dagli Agorà è una mistura, talvolta improvvisata, tra certo jazz-rock statunitense di stampo più intimista e atmosfere calde tipiche della cultura musicale mediterranea.
"Penetrazione” è un brano rilassato, caratterizzato da un ostinato al basso sul quale ogni singolo musicista innesta i propri interventi: determinato quello del sax; soffusi, quasi eterei quelli di piano, chitarra e batteria (quest’ultima impegnata in raffinatezze con i piatti).

“Acqua celeste” e “L’orto di Ovidio” sono quasi gemelli, entrambi virtualmente suddivisi in due frammenti: una delicata introduzione che si sviluppa in crescendo ove soprattutto il sax si rende protagonista con rari interventi lineari; una seconda parte dinamica nella quale la batteria si palesa in termini più incisivi e determinati.
Emerge, all’ascolto, l’impressione che non esistano leader all’interno del gruppo, che non prevalga alcun musicista sugli altri: è un lavoro di insieme, corale, compatto. Ciò ha dell’incredibile se si pensa che il gruppo si è formato appena un anno prima, peraltro con nessuna esperienza dal vivo. Ciononostante, sebbene siano tutti di assoluto pregio, i brani sembrano talvolta concludersi repentinamente, come se non fossero completamente portati a termine.
Diverso il discorso per “Serra San Quirico”, un brano perfetto, dall’inizio alla fine, che riassume in 14 minuti la summa della proposta musicale del gruppo: contiene infatti tutti gli elementi proposti nelle composizioni precedenti e offre l’occasione ai singoli componenti di esibirsi a turno in individuali protagonismi, comunque sempre molto contenuti, mai invasivi.
L’opera non è esente da critiche, tutte afferenti la produzione: la durata dell’intero lavoro si attesta solo su 32 minuti; la qualità sonora, inoltre, non è ottima atteso che il suono risulta compresso e non certo brillante; infine, la trasposizione su disco (e ahimè, anche su CD), ha penalizzato il brano “Serra San Querico”, troncato in due parti (non sarebbe stato più opportuno modificare l’ordine dei brani e proporlo nella sua versione integrale?)


Roberto Bacchiocchi: electric piano & vocal
Renato Gasparini: guitar
Mauro Mencaroni: drums & vocal
Ovidio Urbani: soprano sax & vocal
Paolo Colafrancesco: bass & vocal

Anno: 1975
Label: Atlantic
Genere: jazz-rock/progressive

Tracklist:
Penetrazione
Serra S. Querico I
Serra S. Querico II:
Acqua Celeste:
L’orto di Ovidio

 

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.