Porcupine Tree
Voyage 34: The Complete Trip

Stampa

"Voyage 34 - The complete trip" è un incredibile quanto affascinante unicum nella discografia dei Porcupine Tree. Concepito inizialmente da Steven Wilson per far parte di “Up the Downstair” quale secondo cd, è finito prima col diventare un singolo in due parti, per poi essere unito a successivi remix dello stesso Steven Wilson, in collaborazione con l'ex Japan Richard Barbieri, entrato poi in pianta stabile nella band.

Voyage 34 è il racconto di quando la gioia si trasforma in paura, di quando un viaggio, il trentaquattresimo di Brian nei meandri dell'Lsd, finisce male, malissimo. Ed è proprio Brian, protagonista suo malgrado, che ce lo descrive, terrorizzato. La sua voce, alternata ad un'altra narrante esterna, fredda, distaccata, ci accompagna per tutti e 70 i minuti del disco, ci accompagna raccontandoci come tutto sia andato storto. Ma a Brian non basta, vuole portarci con lui, vuole ripercorrere assieme a noi lo stesso inquietante cammino, chissà, forse per riuscirne indenne. Cammino che inizia, continua e finisce con un riff ossessivo e incalzante di chitarra, che richiama inevitabilmente “Another brick in the wall “ dei Pink Floyd, ma che non ne è affatto un plagio: E' un riff che suona universale, come se esistesse da sempre e da sempre suonasse invitante.

 

Il ritmo delle percussioni è costante, ci sono spirali di suoni e onde suadenti ma mai invasive e uguali, che si e ci inseguono tra voci e risate, loop e echi impazziti, sintetizzatori e tastiere acide che lasciano spesso spazio a quiete, quiete onirica, che richiama il miglior Brian Eno e quell'ambient esploso all'inizio degli anni 90 da cui Wilson ha attinto con sublime ispirazione.

La concezione del tempo e dello spazio si perdono: i 70 minuti trascorrono via veloci e lenti assieme. Le quattro tracce fluiscono in un unico e omogeneo magma sonoro, in cui è facile immergersi con fascinazione.

Quando il viaggio volge al termine e le chitarre via via ci abbandonano, restiamo soli, consapevoli che stiamo per uscirne, immersi in un emozionante e oscuro tappeto elettronico. Sfumano le risate, le voci si fanno impaurite, quasi non volessero lasciarci andare, ma ci abbandonano assieme a tutto il resto, lasciandoci in un rassicurante silenzio di pace.

 

 



Steven Wilson: chitarre , tastiere

Richard Barbieri: sintetizzatore

Anno: 2000
Label: Delerium Records
Genere: Experimental

Tracklist:

1 Voyage 34 Phase I

2 Voyage 34 Phase II

3 Voyage 34 Phase II

4 Voyage 34 Phase IV

 

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.