Home Recensioni Masterpiece King Crimson - In The Court Of The Crimson King

King Crimson
In The Court Of The Crimson King

Anno 1969, sta per inziare il periodo d'oro per il Progressive Rock, ed un nuovo gruppo si affaccia sul palcoscenico mondiale ed è subito un capolavoro di levatura tale che ancora oggi rimane un disco di una attualità straordinaria, un disco il cui contenuto musicale ha passato indenne i decenni, figlio sopratutto di una qualità ed una originalità indiscutibili, fonte di ispirazione per moltissimi altri gruppi non solo della scena rock, stiamo parlando dei King Crimson e del loro primo album "In the Court of the Crimson King".

Il gruppo, dopo varie vicissituidini inziali trova una sua formazione stabile composta da Robert Fripp alla chitarra, Robert è l'unico membro originale della band tutt'ora presente nei King Crimson e che ne ha sempre fatto parte, infatti i King Crimson, così come ad esempio gli Yes sono caratterizzati da una notevole rotazione nei membri della line-up, insieme a Robert Fripp c'erano, Greg Lake, futuro componente degli Emerson, Lake & Palmer al basso ed alla voce, Ian McDonald ai fiati ed alle tastiere ed infine Mike Gilles alla batteria, completa la line-up Peter Sinfield, che si occupa dei testi, Sinfield e con lui Fripp sono da considerarsi a tutti gli effetti i veri deus ex machina dei King Crimson.

Con questa formazione appunto, nell'Ottobre del 1969 vede la luce "In the Court of the Crimson King": il suono proposto è un progressive rock molto influenzato da momenti acidi e psichedelici con particolare riferimento ai Moody Blues sopratutto grazie all'uso del mellotron, i King Crimson diedero anche una precisa impronta neo-classica al suono, condendolo, specie nelle ballad ricche di pathos romantico, di suggestioni medioevaleggianti.

Ancora oggi i 5 brani che compongono questo lavoro: "21st century schizoid man", con le sue improvvise accellerazioni acid-jazz oppure le lente e dolci "I talk to the wind" arricchita dal flauto ed "Epitaph", la psichedelica "Moonchild" o la suggestiva "In the court of Crimson King" sono giustamente considerati capolavori di difficile imitazione ... nonostante i canonici innumerevoli tentativi.

Un nuovo gruppo ma sopratutto un nuovo genere è nato, un gruppo destinato ad influenzare prepotentemente la musica a venire e non quella strettamente legata alle sonorità progressive. .



Robert Fripp: Guitars
Greg Lake: Bass & Lead Vocals
Ian McDonald: Woodwind, mellotron, keybords & Vocals
Mike Gilles: Drums & Vocals
Peter Sinfield: Lyrics

Anno: 1969
Label: Island
Genere: Progressive Rock

Tracklist:
01. 21st Century Schizoid Man
02. I Talk to the Wind
03. Epitaph
04. Moonchild
05. The Court of the Crimson King

Sul web:
Official site

Banner

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.