Home Recensioni Masterpiece Pat Metheny Group - The way up

Pat Metheny Group
The way up

Album decisamente fusion, “The way up”, risalente al 2005 e vincitore del Grammy Award nel 2006 come miglior album di jazz contemporaneo, è l’ultimo lavoro del chitarrista pubblicato a nome del “Pat Metheny Group” ed è composto da sole quattro tracce di considerevole durata (tra i 15 ed i 26 minuti), per la cui stesura l’artista è stato supportato dal fido Lyle Mays, co-autore dell'intero lavoro (Steve Reich e Eberhard Weber sono espressamente ringraziati ma non è espresso se abbiano effettivamente contribuito ed in quale misura).  

Come già per altri dischi del “Group”, anche questo è improntato su atmosfere evocative e nessuna rivoluzione sul genere ci si deve aspettare dall’opera, se non che quanto prima veniva scisso in più tracce, è ora assemblato in pochi brani senza soluzione di continuità. I cambiamenti di ritmo e le variazioni melodiche assicurano comunque un ascolto scorrevole e mai noioso.

Nelle musiche trovano così spazio le tipiche ambientazioni methenyane all’interno delle quali il chitarrista si destreggia con i suoi molteplici ed oramai peculiari effetti elettronici, sfruttando a pieno la versatilità della chitarra.

Ciò nonostante Metheny non disdegna le genuine sonorità acustiche che frequentemente alterna a quelle più marcatamente sperimentali in una combinazione sapientemente miscelata.

Altrettanto fanno gli altri musicisti della formazione, tra i quali spiccano l’oramai collaudato Lyle Mays al piano e la new entry Antonio Sanchez alla batteria (già peraltro presente nel precedente album “Speaking of now” del 2002) che con il suo notevole gioco di piatti ed il suo preciso tocco, accortamente catturato in fase di registrazione, accompagna e si distingue senza mai invadere troppo la scena.

Una nota finale va infine dedicata anche al trombettista Cuong Vu che riesce, senza mai strafare, ad esprimere le sue potenzialità in non poche circostanze e soprattutto all’armonica di Gregoire Maret che contribuisce, in solitaria ed in accompagnamento, a creare soffuse e suggestive atmosfere.

Questo lavoro rappresenta pertanto la fisiologica continuazione di un cammino intrapreso da lunghissima data dal chitarrista che, affiancato nella composizione dal già citato Reich, riesce nella produzione di un’opera organica ed affascinante, senza mai perdere di vista la sua identità meritatamente conquistata negli anni.

Un disco, quindi, da ascoltare tutto d’un fiato, che non deluderà i seguaci di Pat, i quali lo ritroveranno in tutte le sue sfaccettature, ma che riuscirà ad ammaliare anche coloro che per la prima volta si avvicinano al suo genere.


Pat Metheny - chitarra elettrica ed acustica, chitarra synth, chitarra 12 corde.
Lyle Mays - pianoforte, tastiere.
Antonio Sanchez - batteria.
Steve Rodby - basso acustico ed elettrico.
Cuong Vu - tromba, voce.
Gregoire Maret - armonica, percussioni.

Special guest:
Richard Bona - percussioni, voce.
Dave Samuels - percussioni.

Anno: 2005
Label: Nonesuch Records
Genere: Fusion/Contemporary Jazz

Tracklist:
01 - Opening
02 - Part One
03 - Part Two
04 - Part Three

Banner

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.