Home Recensioni Masterpiece Ozzy Osbourne - Tribute

Ozzy Osbourne
Tribute

Questo non è un disco come tutti gli altri. È una prova di grande rispetto e vera amicizia, quella che intercorreva fra due uomini così differenti tra loro; un blasonato cantante inglese, celebre per i suoi eccessi, ed un minuto, introverso musicista americano, così timido fuori dal palco, e così incredibilmente dotato con una chitarra fra le mani.
"Il 19 marzo del 1982 è un giorno che vivrà per sempre nella mia memoria": è lo stesso Ozzy a vergare di suo pugno queste parole, l’incipit di un accorato ricordo dell’amico sul retro della copertina. E che non fossero parole di circostanza era chiaro a tutti, e comprovato empiricamente dal fatto che cinque anni prima, quando la casa discografica aveva commissionato un doppio album dal vivo al Madman, Ozzy si era categoricamente rifiutato di far pubblicare in vinile i concerti della prima formazione dei Blizzard Of Ozz, quella illuminata dallo smisurato talento dell’ex ascia dei Quiet Riot. Troppo profonda la ferita, troppo fresca la memoria della sua prematura scomparsa. L’uomo che in troppi ricordano solo per quella volta che addentò un pipistrello (o era una colomba, chissà), per una volta smise la maschera del clown e mostrò quanto fosse profonda la sua sensibilità, impedendo che la Epic pubblicasse, su quel disco dal vivo dell’82, una sola nota suonata da Randy, o una sola canzone scritta assieme a lui. Ma adesso, metabolizzato il dolore, il momento era quello giusto.

Il momento di ricordare ancora una volta al mondo quale fenomeno fosse quel biondino così mite, quali riff sapesse tirar fuori dalla sua sei corde, come magnifici conigli dal cilindro di un abile prestigiatore, e quali struggenti assolo sapesse interpretare per dare un ulteriore marcia in più a brani già quasi perfetti. "Crazy Train", "Mr. Crowley", "Flying High Again"… c’è la bibbia pagana dell’Heavy Metal dei primi anni 80 fra questi solchi; e neppure mancano, quasi a confrontarsi occhi negli occhi con il glorioso passato, vibranti versioni degli immortali classici del Sabba Nero, quali "Iron Man" o "Children Of The Grave". Basterebbero i novanta minuti del doppio vinile originale per godere dell’inebriante cocktail creato da musicisti di così grande carisma e talento, ed essere certi di aver ben speso i propri soldi. Eppure, più grande ancora dell’arte creata da Ozzy e Randy, resta la storia di una grande amicizia, che soltanto una maledetta disgrazia ha potuto spezzare.

90/100


Ozzy Osbourne: voce
Randy Rhoads: chitarra
Rudy Sarzo: basso
Tommy Aldridge: batteria
Don Airey: tastiere
Bob Daisley: basso in "Goodbye To Romance" e "No Bone Movies"
Lee Kerslake: batteria in "Goodbye To Romance" e "No Bone Movies"

Anno: 1987
Label: Epic
Genere: Hard Rock

Tracklist:
01. I Don't Know
02. Crazy Train
03. Believer
04. Mr. Crowley
05. Flying High Again
06. Revelation (Mother Earth)
07. Steal Away (The Night)
08. Suicide Solution
09. Iron Man
10. Children of the Grave
11. Paranoid
12. Goodbye To Romance
13. No Bone Movies
14. Dee (Randy Rhoads studio out-takes)

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.