Home Recensioni Masterpiece
Masterpiece

Pat Metheny, Heath Brothers, Dave Brubeck Quartet, B. B. King
Luminescence

PDFStampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Domenica 13 Gennaio 2019 22:01

Quello del 28 gennaio 1983 tenuto al Palais Des Congres di Cannes, in Francia - con artisti del calibro di Pat Metheny, B.B.King, gli Heath Brothers e il Dave Brubeck Quartet - è uno dei concerti jazz più bootlegati in assoluto. La cosa strana è che buona parte degli album pubblicati, non documenta l’intera performance ma solo una parte e, spesso, non la medesima.

Leggi tutto...

 

Pink Floyd
The Dark Side Of The Moon

PDFStampaE-mail

Scritto da Giuseppe Artusi Giovedì 20 Dicembre 2018 18:44

The Dark Side Of The Moon è per unanime consenso un capolavoro: un caso davvero raro – se non proprio unico – di album che fonde avanguardia, rumorismo, psichedelia, musica progressive e rock melodico, risultando però estremamente facile, fruibile, popolare nell’accezione più comune del termine.

Leggi tutto...

 
 

Yes
Fragile

PDFStampaE-mail

Scritto da Giuseppe Artusi Giovedì 20 Dicembre 2018 18:44

“Fragile” è la quarta rilettura dal catalogo-Yes da parte di Steven Wilson, un appuntamento ormai consueto per i fans del gruppo e del prog in generale.

Leggi tutto...

 

King Crimson
Discipline

PDFStampaE-mail

Scritto da Alex Marenga Giovedì 20 Dicembre 2018 18:44

E’ il 1981 - piena era delle nuove pulsioni del rock che si intrecciano attorno alla new wave, il movimento che, nato dal punk, sta ridefinendo le forme e i suoni del rock del decennio - quando il progetto King Crimson si ricostituisce in una incarnazione inaspettata.

Leggi tutto...

 
 

Pink Floyd
Umma Gumma

PDFStampaE-mail

Scritto da Bartolomeo Varchetta Giovedì 20 Dicembre 2018 18:44

Chi pensa che tutta la musica possa essere ascoltata indifferentemente in qualsiasi situazione, si sbaglia di grosso. I cultori musicali, ovvero gli ascoltatori incalliti, lo sanno bene, anche se a volte lo dimenticano.

Leggi tutto...

 

Limousine
Limousine

PDFStampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Martedì 07 Agosto 2018 18:44

Non una perla, l'unico disco degli olandesi Limousine, ma certamente gradevolissimo nella sua capacità di miscelare amabilmente il pop melodico con generi piuttosto variegati, offrendo un sound tipicamente ed incredibilmente americano.

Leggi tutto...

 
 

Gong
You

PDFStampaE-mail

Scritto da Alex Marenga Mercoledì 11 Luglio 2018 20:46

Gong non è stato solo un gruppo musicale ma un modo di intendere la musica e il musicista, un concetto che ha generato anche gravi contraddizioni che hanno portato il brand “Gong” a definire dischi lontani, se non opposti, dal concept originario.
Questa storia ha inizio quando, nel 1959, un bizzarro capellone australiano di nome Daevid Allen (Melbourne, 13 gennaio 1938 – Byron Bay, 13 marzo 2015) che vaga per l’Europa in autostop approda in Gran Bretagna e inizia a frequentare giovani artisti inglesi.

Leggi tutto...

 

Crazy Horse
Left For Dead

PDFStampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Lunedì 09 Aprile 2018 18:50

Disco assai valido che richiama le influenze più acide di Neil Young, che si tratti delle sanguigne cavalcate il cui incedere è determinato da chitarre assai distorte o dei brani più magnetici vicini al ritmo caracollante di “Cortez The Killer”.

Leggi tutto...

 
 

Blackfoot
Highway Song Live

PDFStampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Sabato 07 Aprile 2018 20:56

La perfetta commistione tra hard rock e rock sudista è racchiusa tra i solchi di questo incredibile live. 
Assieme a band come Outlaws e Molly Hatchet, alla fine degli anni '70, i Blackfoot (per tre quarti composti da indiani pellerossa, da cui il moniker), imbevono di adrenalinico hard rock la formula dei Lynyrd Skynyrd (due membri della band avevano militato in questi ultimi nel biennio 1970-1971), forgiando la nascita di un nuovo genere che riesce ad accontentare in un solo colpo i rustici sudisti statunitensi e i primitivi metallari europei.

Leggi tutto...

 

Tears For Fears
Songs from the Big Chair

PDFStampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Venerdì 23 Marzo 2018 19:56

Sono poche le band degli anni '80 che, a modesto parere di chi scrive, possono vantare la qualità e la competenza della maggior parte dei gruppi appartenenti al decennio precedente. Non è proprio una questione di genere musicale, pure profondamente diverso, quanto di suoni e arrangiamenti, divenuti irrimediabilmente plastici e artificiali, capaci di rovinare idee anche interessanti, con imbarazzanti banalizzazioni e pericolosissimi stupri sonori.

Leggi tutto...

 
 

Pagina 1 di 16

Banner

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.