Home Recensioni Masterpiece
Masterpiece

King Crimson
Discipline

PDFStampaE-mail

Scritto da Alex Marenga Domenica 12 Febbraio 2017 21:19

E’ il 1981 - piena era delle nuove pulsioni del rock che si intrecciano attorno alla new wave, il movimento che, nato dal punk, sta ridefinendo le forme e i suoni del rock del decennio - quando il progetto King Crimson si ricostituisce in una incarnazione inaspettata.

Leggi tutto...

 

Danzig
Danzig

PDFStampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Sabato 11 Febbraio 2017 22:10

Il primo dei Danzig è senz'altro il loro album migliore.

Leggi tutto...

 
 

John McLaughlin
Music Spoken Here

PDFStampaE-mail

Scritto da Alex Marenga Lunedì 06 Febbraio 2017 13:58

Il chitarrista inglese John McLaughlin era stato notato da Miles Davis grazie alla collaborazione con il gruppo jazz rock di Tony Williams, Lifetime, finendo nelle mitiche registrazioni di In a Silent Way e Bitches Brew che danno inizio al movimento del jazz-rock alla fine degli anni 60.

Leggi tutto...

 

Porcupine Tree
Voyage 34: The Complete Trip

PDFStampaE-mail

Scritto da Cosimo Mongelli Mercoledì 01 Febbraio 2017 14:04

"Voyage 34 - The complete trip" è un incredibile quanto affascinante unicum nella discografia dei Porcupine Tree. Concepito inizialmente da Steven Wilson per far parte di “Up the Downstair” quale secondo cd, è finito prima col diventare un singolo in due parti, per poi essere unito a successivi remix dello stesso Steven Wilson, in collaborazione con l'ex Japan Richard Barbieri, entrato poi in pianta stabile nella band.

Voyage 34 è il racconto di quando la gioia si trasforma in paura, di quando un viaggio, il trentaquattresimo di Brian nei meandri dell'Lsd, finisce male, malissimo. Ed è proprio Brian, protagonista suo malgrado, che ce lo descrive, terrorizzato. La sua voce, alternata ad un'altra narrante esterna, fredda, distaccata, ci accompagna per tutti e 70 i minuti del disco, ci accompagna raccontandoci come tutto sia andato storto. Ma a Brian non basta, vuole portarci con lui, vuole ripercorrere assieme a noi lo stesso inquietante cammino, chissà, forse per riuscirne indenne. Cammino che inizia, continua e finisce con un riff ossessivo e incalzante di chitarra, che richiama inevitabilmente “Another brick in the wall “ dei Pink Floyd, ma che non ne è affatto un plagio: E' un riff che suona universale, come se esistesse da sempre e da sempre suonasse invitante.

 

Leggi tutto...

 
 

Uzeb
Live À L'Olympia

PDFStampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Sabato 28 Gennaio 2017 19:22

Ecco un esempio genuino di Gruppo che esprime il massimo di sé nelle esecuzioni dal vivo. Ed infatti, non a caso, dei dieci titoli che compongono l'intera discografia, prodotti nell'arco di tutti gli anni '80, ben cinque sono dal vivo (incluso lo spettacolare esordio discografico “Live in Bracknell” del 1981), di cui due pubblicati nell'arco del medesimo anno (il titolo qui recensito e “Absolutely Live”).

Leggi tutto...

 

John McLaughlin
Belo Horizonte

PDFStampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Lunedì 09 Gennaio 2017 22:13

Magnifico album in cui è riassunta la summa dell'arte chitarristica dell'inglese.

Leggi tutto...

 
 

Ezra Winston
Ancient Afternoon

PDFStampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Mercoledì 21 Dicembre 2016 23:19

Ancient Afternoon” rappresenta una conferma del valore tecnico e compositivo del gruppo.
La proposta musicale, ancorché altrettanto valida, appare tuttavia diversificata rispetto al passato. Viene abbandonata quasi del tutto la cupezza che aveva tipizzato l’esordio a favore di una maggiore solarità, percepibile sin dall’iniziale melodia suonata dal flauto, decisamente allegra e briosa, quasi scanzonata.

Leggi tutto...

 

Osanna
L'uomo

PDFStampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Lunedì 19 Dicembre 2016 22:27

È prevalentemente un disco di sano hard rock, l’esordio degli Osanna, suggellato da una chitarra massiccia e graffiante, capace anche di creare riff memorabili, e da una base ritmica dinamica ed avvincente.

Leggi tutto...

 
 

Circus
Movin' on

PDFStampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Mercoledì 14 Dicembre 2016 23:00

Il secondo album degli svizzeri Circus cambia le carte in tavola.
La formula indistinta del primo lavoro viene abbandonata a favore di una presenza decisamente più consistente di ciascuno strumento utilizzato, nonché della voce, stavolta molto chiara.
Anche il genere è definito: progressive puro e di livello elevatissimo, sapientemente condito con un vago sapore jazz, mai fuori luogo, come testimoniato da tutti i brani ed in particolare dalla suite omonima, un brano forte dei suoi 22 minuti di crescendo, atmosfere eteree, improvvise esplosioni sonore.
Una maggiore fruibilità delle melodie proposte rende perfetto il lavoro finale, sicuramente sempre poco commerciale ma destinato a maggior presa sul pubblico.
I primi tre brani “The Bandsman” , “Laughter Laneh”, “Laughter Laneh” iniziano tutti in un modo e finiscono in un altro.

Leggi tutto...

 

Donald Fagen
Sunken Condos

PDFStampaE-mail

Scritto da Rosario Francesco Saverio Cafiero Martedì 06 Dicembre 2016 17:39

A sei anni di distanza da "Morph The Cat" è tornato con un nuovo album solista (il quarto) l'ineffabile Donald Fagen.
Il co-leader degli Steely Dan pubblica "Sunken Condos" letteralmente "Condomini affondati".

Leggi tutto...

 
 

Pagina 1 di 14

Banner

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.