Home Recensioni Live Scott Henderson Trio - Bologna, 29 Marzo 2018

Scott Henderson Trio
Bologna, 29 Marzo 2018

Bologna, 29 Marzo 2018 - Bravo Caffè

Spettacolo di punta quello del 29 marzo a Bologna, in cartello uno dei concerti più interessanti dell’anno. Sul palco del Bravo Caffè un tradizionale ospite americano sostenuto da due giovani, ma ottimi musicisti.

E Scott Henderson giganteggia secondo tradizione. La sua Suhr Stratocaster è in grado di virare in due battute da una citazione blues ad una scala jazz obliqua, ricorrendo al tapping e tendendo una corda fino al limite per poi passare d'incanto ad un pugno di accordi alla George Benson.

Costante la sua continua evoluzione e ricerca nel corso degli anni, si addentra con successo nel cuore di ogni genere: rock, blues, jazz declinandoli anche contemporaneamente; ma è un grande virtuosismo che non ha mai nulla di sterile. Buona parte della serata è incentrata sulla esecuzione di brani inediti contenuti nel nuovo album la cui uscita è prevista in estate.

Scott Henderson travalica il significato di accordo o scala, suona tanto e a velocità enorme, riduce la rapidità per una ventina di secondi di bending, poi si lancia in accordi trasfigurati più volte, suona semplici elementi blues in direzione degli ultimi tre tasti, e muove spesso a ritroso fino al capotasto per tenere il ritmo, in successione propone un vasto campionario: porzioni di soli dagli intervalli lunghissimi, uno o due accordi piuttosto distorti e poi stop al plettro per un pezzo arpeggiato, recupero del plettro e ancora bending verso un nuovo solo. Stupefacente.

Nella esposizione di “Vibe Station” del 2015 Henderson fa un uso sapiente di leva e bicordi. Fantastici i passaggi open sostenuti dal delay breve con l'aggiunta di ripetizioni infarcite di chorus.

Bis con la splendida "Black Market" dei Weather Report, sonorità percussive, evocative di un melting pot musicale e culturale che attinge alla world,al jazz e al funky e spazio anche per un classico con un grande timing ritmico quale “Dolemite” (da Tore Down House) asciugato ovviamente da fiati ed Hammond.

Convincente in definitiva è apparso anche l’amalgama con Romain Labaye al basso e Archibald Ligonnière alla batteria. Ciò che risalta nelle composizioni di un guitar hero come Henderson è la straordinaria conoscenza dell'armonia jazzistica che gli consente di influenzare e ampliare anche la più basilare traccia hard-rock rifuggendo l'appiattimento su modelli stabiliti e garantendogli la possibilità di declinare ai più alti livelli, sempre supportato da una sezione ritmica di grande valore, la formula musicale del trio.

 

 


Scott Henderson: Chitarra
Archibald Ligonnière: Batteria
Romain Labaye: Basso

Data: 29/03/2018
Luogo: Bologna - Bravo Caffè
Genere: Fusion

 

 

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.