Steve Coleman and Council of Balance
Bologna, 14 Novembre 2016

Stampa

Bologna, 14 Novembre 2016 - Bologna Jazz Festival - Teatro Duse

Phc: Giorgio Bianchi

 

Un concerto quello di Steve Coleman senza compromessi: la missione decennale è quella di integrare le regolarità matematiche presenti in natura, l'astronomia e la filosofia in musica di improvvisazione, e, funzionale a questa missione, è l'espansione della sua band dai cinque elementi originari a diciassette unità. L'integrazione di un quintetto d'archi allo zoccolo duro di rodati musicisti di forte estrazione jazzistica è la sua più ambiziosa e riuscita scommessa. L'ensemble suona a tratti come una big band di New Orleans, spesso cala bruscamente l'ascoltatore nel noir di una soundtrack poliziesca, ma è musica visceralmente coinvolgente, densa, stimolante e seducente in ogni caso; gruppi strumentali e temi si muovono dentro e fuori fuoco di modo che, quando la consapevolezza musicale diventa chiara, si dissolve per cedere il posto ad una realtà diversa. Il rigore di Coleman come compositore e improvvisatore governa tutto. Il grande ensemble genera un lavoro con tante parti in movimento e non c'è poi molto spazio per l'improvvisazione, l’impressione è che tutti gli elementi delle composizioni di Coleman siano sempre perfettamente integrati e al contempo, contro ogni logica, si escludano vicendevolmente generando un effetto straniante. La sensazione di evanescenza è tutta negli accordi fluidi del contralto e nelle sottosezioni che raramente muovono in sincronia. Le dimensioni della musica si dilatano in spazi e strutture lontane, prendendo ispirazione dalla mitologia e dal misticismo, impiegando sempre un senso sfuggente e personalissimo del ritmo e dei metri con vorticose tonalità e orchestrazioni a più livelli. Il Council of Balance dimostra che il ritmo è ovunque, in ogni porzione del nostro corpo, quando essa si connette con un'altra: quando elementi diversi devono lavorare insieme.

 

 

 


Steve Coleman, sax alto; Jonathan Finlayson, tromba; Maria Grand, sax tenore;

Miles Okazaki, chitarra; Anthony Tidd, basso elettrico; Dan Weiss, batteria;

Maarten Van Veen, pianoforte; Ilse Eijsink, clarinetto; Marieke Franssen, flauto;

Floris Onstwedder, tromba; Marijn Migchielsen, trombone basso

Eva Stegeman, primo violino;

Jellantsje de Vries, secondo violino; Katya Woloshyn, viola; Andrea Gomez Oncina, violoncello;

Nienke Kosters, basso acustico; Wilbert Grootenboer, percussioni

Data: 14/11/2016
Luogo: Bologna - Teatro Duse
Genere: Jazz

 

 

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.