Home Recensioni Underground Hate & Merda - La Capitale Del Male

Hate & Merda
La Capitale Del Male

Underground

“Non esiste filosofia che possa contemplare il male, quando arriva si mangia tutto”.
Queste sono le parole, narrate dallo psicologo e filosofo Stefano Santoni, che aprono i cancelli de “La capitale del Male”. Il secondo tetro capitolo degli “Hate & Merda” è una visione di uno stato d’animo temporaneo immerso in una melma vischiosa nella quale il duo fiorentino si immerge fin quasi a soffocare. Nel buio dell’immobilità la band racconta uno scorcio della propria vita sociale, di ciò che gravitava in un determinato momento intorno ai loro sguardi affacciati su un orribile girone dantesco.
Un disco spigoloso capace di spingere l’ascoltatore in una dimensione claustrofobica e delirante racchiusa in buie pareti pulsanti tinteggiate da sonorità violente e rumorose da cui fuoriescono spifferi ed urla di rabbia mista a disperazione.
Opera riconducibile ad una galassia di nichilismo composta da sludge, noise, ambient e hardcore che, come pianeti, ruotano intorno ad un oscuro sole nero desideroso di inghiottire e bruciare tutta la cattiveria contenuta al loro interno.
La copertina spettrale dell’album è la fotografia severa di ciò che non esiste più, un ritratto inquietante nel quale si cela la paura che tutto possa tornare a disturbare le nostre vite tramite un rituale che rievochi le ferite aperte del passato.
I due “Unnecessary” plasmano uno specchio dove riflettono la loro parte più intima, ma soprattutto dove cercano di dare un volto al male che non è un’astrazione impalpabile ma bensì qualcosa di concreto, parte della natura umana.
Nei trentotto minuti complessivi dell’album si susseguono momenti di ferocia sonora, voci inquietanti ed atmosfere brumose che dilatano il tempo ed appannano la mente facendola precipitare in una trance interiore.
Gli “Hate & Merda” provano a dare una dimora al male ma restano consapevoli dell’impresa impossibile perché le negatività, vettori primordiali del genere umano, sono eterne e senza confini.
“La Capitale del Male” non esiste se non tra i solchi di un vinile che va ascoltato, divorato e gustato perché in fondo il male è come la fame: insaziabile.

Anno: 2016
Label: UTU Conspiracy/Diodrone/Toten Schwan
Distribuito da: Dischi Bervisti, Sangue Dischi, Shove Records, Zas Autoproduzioni, Toten Schwan Records, Icore Produzioni, UTU Conspiracy, Dio Drone [vinile] e Simula Records (UK) [tape].
Genere: sludge, noise, hardcore

Tracklist:

01. La Capitale Del Male
02. Foh
03. L’Inesorabile Declino
04. In Itinere
05. La Capitale Del Mio Male
06. Profondo Nero Senza Fine
07. Vai Via

Formazione:

Unnecessary 1: metalli, tamburi
Unnecessary 2: corde, voce

Guest:

Stefania Pedretti: voce In Itinere
Matteo Bennici: cello In Itinere
Stefano Santoni: filosofia
Vio & Pagan: voci Vai Via

 



Banner

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.