Home Recensioni Demo & EP Giovanni Conelli - Di Viaggio, Di Fiore e Di Altre Spine

Giovanni Conelli
Di Viaggio, Di Fiore e Di Altre Spine

Cantautore in continua ricerca musicale, Giovanni Conelli è un anomalo partenopeo che opta, col suo lato intimistico, di esprimere la “dark side” di Napoli: quella più mistica, crepuscolare, che estrapola le proprie ombre per trasfigurarle in luce, mantenendone, comunque, il fascino eterno. Sperimentatore di sonorità, Conelli sceglie indubbiamente una strada non di facile scorrimento per il cantautorato e già per questo andrebbe elogiato, indipendentemente dal piacere che se ne ricava dall’ascolto di “Di viaggio, di fiore e di altre spine”.
Inoltre, l’artista ha saputo imboccare il giusto bivio tra una proposta occidentale miscelata con la compagine orientale con ottime alchimie, conferendo ai suoi testi fascino aulico ed etereo.

E già l’introduttiva “Le spine” esprime l’audacia della proposta, in cui i toni soffici e mistici fanno da sfondo ad una narrazione calda e ovattata, derivante da una fitta coscienza che incamera arsenali sensibili e percettivi. D’altra parte, per delineare angolature e sfumature campane meno note, Conelli deve aver maturato un bel bagaglio d’esperienze percettive. 
Tocca all’orientaleggiante “Habibi” confermare l’atipicità della proposta di questo e.p. a quattro tracce, per certi versi multietnico, carico di emozioni suggestive e durature che si districa, con luce, tra le ombre proiettate su pentagrammi sperimentali.
Ma Conelli ha il saggio acume tattico di non fossilizzare l’opera su schemi ripetitivi e sa sterzare, in parte, con “Istanbul” poiché l’abbraccio tra elettronica e pianoforte rende più fulgida la sua cifra stilistica, non facendola adagiare su strati statici che, alla lunga, invece, potrebbero generare pareri discordanti.
In questo brano si ha la sensazione, talvolta, che il timbro vocale del Nostro evochi Leonard Cohen più sofferente del solito, forse soffrendo troppo le note basse, non sappiamo se volutamente o meno.

L’epilogo di “La pelle morta” è un toccante omaggio alla madre che lambisce vette nostalgiche con indubbie capacità.
"Di viaggio, di fiore e di altre spine” è una limpida dimostrazione di come si possa realizzare lavori alternativi con  spaccati introspettivi ialini e veraci.



Giovanni Conelli: tutti gli strumenti

Anno: 2017
Label: Sounday Digital
Genere: Cantautorato/Elettronica

Tracklist:
01. Le spine
02. Habibi
03. Istanbul
04. La pelle morta

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.