Home Recensioni Album Yes - The Royal Affair Tour - Live in Las Vegas

Yes
The Royal Affair Tour
Live in Las Vegas

Cosa rimane degli Yes dei tempi gloriosi? Molto poco. Lo testimonia tristemente questo ennesimo live che, nel coacervo di titoli assolutamente superflui prodotti dagli inglesi da "Heaven & Earth" in poi (QUI la recensione dell'ultimo album in studio con Chris Squire), risulta certamente il più inutile.
L'album documenta il concerto tenuto nel luglio del 2019 all’Hard Rock Hotel di Las Vegas, assieme a John Lodge dei Moody BluesCarl Palmer’s ELP Legacy (con Arthur Brown) e Asia (con l'ospitata di Howe e Palmer).
E se "50 Live", il precedente live (lo abbiamo recensito QUI), si segnalava per la presenza del fondatore Tony Kaye e del virtuoso Patrick Moraz - membri  storici che, pur in termini di minimo sindacale, certificavano una certa legittimità all'uso dello storico moniker - questo doppio live si evidenzia, se non quale incolore prodotto di una piatta cover band, quantomeno quale progetto solista del solo Howe se è vero, come è vero, che l'organico risulta ormai castrato di ciascuno dei membri fondatori e annovera, oltre al citato chitarrista (il secondo, nella storia della band), il quarto tastierista (Geoff Downes), il secondo bassista (Billy Sherwood), il quarto cantante (Jon Davison), il secondo batterista (Alan White), ormai talmente malconcio da essere sostituito per buona parte di ogni esibizione dal terzo batterista (Jay Schellen).
Va infine segnalato che l'elemento novità latita anche all'ascolto di "Tempus Fugit", brano ormai piuttosto ricorrente nella tracklist del periodo post Anderson, nonché delle cover "Imagine" di John Lennon, che c'entra con gli Yes come i cavoli a merenda (alla registrazione del brano partecipò Alan White nel 1971), e "America", rivisitazione del classico di Simon & Garfunkel originariamente incluso nella prima raccolta della band, "Yesterdays", già eseguito dal vivo dai veri Yes nel 1996 (e presente, in una versione ben più accattivante, nell'ottimo "Key To Ascension").
Il disco è bocciato anche sul fronte visivo giacché la copertina di Roger Dean appare cupa e quasi bicromatica, testimonianza di un calo creativo che viaggia in parallelo con quello della band: un segnale piuttosto profetico di un futuro dalle connotazioni funeste. 





Jon Davison: Vocals
Steve Howe: Guitars
Billy Sherwood: Bass 
Geoff Downes:  Keyboards
Alan White: Drums
Jay Schellen: Drums

Anno: 2020
Label: Bmg Rights Management
Genere: Prog

Tracklist:

01. No Opportunity Necessary, No Experience Needed
02. Tempus Fugit
03. Going For The One
04. I’ve Seen All Good People
05. Siberian Khatru
06. Onward
07. America
08. Imagine
09. Roundabout
10. Starship Trooper

Tags:
Banner

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.