Home Recensioni Album Yes - 50 Live

Yes
50 Live

C'erano una volta gli Yes, storica band di progressive rock.
Ad anni 2000 inoltrati, dopo innumerevoli cambiamenti, la formazione cosiddetta classica si era inaspettatamente ricomposta come segue: due i membri fondatori, Jon Anderson e Chris Squire, ai quali si affiancavano Steve Howe, Alan White, Rick Wakeman, tre membri storici (ma non fondatori). 
Ad un certo punto, l'ultimo dei 5 abbandonava definitivamente la formazione. Ciò non scalfiva minimamente il gruppo, che continuava a chiamarsi Yes senza che alcuno si meravigliasse più di tanto, visto che il biondo tipo era capricciosamente già entrato/uscito nei/dai ranghi più volte, non facendo patire conseguenze estreme al combo. 
Poco dopo, tuttavia, si ammalava Jon Anderson che, rispondendo a bieche logiche economiche, veniva impietosamente defenestrato senza tanti complimenti. Il gruppo ancora utilizzava il vecchio moniker. 
Poi successe che Chris Squire stesse male e morì piuttosto repentinamente. Quando la band si presentò sul palco, con l'ennesimo sostituto, qualcuno cominciò effettivamente a dubitare circa la genuinità della sigla Yes, ancora spavaldamente ostentata. 
Non è finita: Alan White, secondo batterista della band, accusa oggi un po' di malanni, vista anche l'età, e quindi viene ormai da qualche tempo sostituito dal vivo da un più giovane e prestante collega. 
A questo punto della storia, e siamo giunti ai giorni nostri, nessun membro fondatore è presente nella band, costituita dal secondo chitarrista (Steve Howe), dal quarto tastierista (Geoff Downes), dal quarto cantante (Jon Davison), dal secondo batterista (Alan White), spesso, però, sostituito dal terzo batterista (Jay Schellen). (Se contiamo anche Tony O'Reilly e Dylan Howe diventano rispettivamente terzo e quinto).
Sorgono legittimi dubbi sulla reale paternità del nome, anche considerando che, nel frattempo, una parallela formazione viene costruita attorno al fondatore Jon Anderson, affiancato da Rick Wakeman e Trevor Rabin (terzo chitarrista) più due nuovi componenti. 
Stando così le cose, un live che dovrebbe celebrare i 50 anni di questa band, quale dovrebbe essere questo "50 Live", è certamente un live, ma è ben poco celebrativo perché poco rappresentativo. Quindi, in sintesi, si dovrebbe trattare di un'opera del tutto inutile, partorita da una formazione inutile. 
Ma ecco che, dopo ben 5 decadi di litigi e riappacificazioni, concretizzatisi in esclusioni, rientri, nuovi ingressi, ai quali si aggiunge una manciata di decessi, arriva il colpo di genio: il deus ex machina del progetto, Steve Howe (il membro più storico attualmente in organico), chiama a raccolta due antichi componenti, Tony KayePatrick Moraz, rispettivamente primo e terzo tastierista (il primo è anche membro fondatore) e il progetto, immediatamente, meravigliosamente, immancabilmente, diventa credibile anche agli occhi dei più scettici.
Coordinando in considerazioni di sintesi quanto sopra esposto, Patrick Moraz suona in "Soon" mentre Tony Kaye in "Yours Is No Disgrace", "Starship Trooper" e "Roundabout" (nell'ultimo, in origine, vi suonava Rick Wakeman). 
Jay Schellen, infine, suona più batteria di quanta ne suoni Alan White. Non è dato sapere in quali pezzi perchè, astutamente, le note all'interno del disco omettono qualsiasi indicazione in tal senso.
A rendere più certo l'incerto, arriva anche Roger Dean, storico anche lui, con un altro dei suoi meravigliosi e surreali disegni. 
Fine di una storia nè bella, né triste, soltanto decisamente macchinosa e, certamente, ben poco genuina.




Jon Davison – Lead vocals, acoustic guitar, percussion, production
Steve Howe – Guitars, backing vocals, production
Billy Sherwood – Bass guitar, backing vocals, production, mixing
Geoff Downes – Keyboards, production
Alan White – Drums, percussion, production
with
Jay Schellen – Additional drums, percussion
Tony Kaye – Keyboards on "Yours Is No Disgrace", "Roundabout", "Starship Trooper"
Patrick Moraz – Keyboards on "Soon"

Anno: 2019
Label: Rhino
Genere: Prog

Tracklist:
Close To The Edge
Nine Voices (Longwalker)
Sweet Dreams
Madrigal
We Can Fly From Here, Part 1
Soon
Awaken
Parallels
Excerpt From The Ancient
Yours Is No Disgrace
Excerpt From Georgia's Song And Mood For A Day
Roundabout
Starship Trooper
Life Seeker
Disillusion
Wurm


Tags:
Banner

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.