Home Recensioni Album Judas Priest - Firepower

Judas Priest
Firepower


Il come-back discografico del prete di Giuda accontenterà tanti metal maniacs sparsi per il globo, in quanto si presenta come un buon album di metal che suona Judas Priest al 100%.

Proprio come i più sfortunati alter-ego statunitensi Riot (che assieme ai Judas hanno codificato l’heavy-metal classico così come lo conosciamo oggi), Halford e soci non mollano, dando alle stampe, in questo 2018, ben quattordici brani di heavy stridente e dannatamente efficace.

Sin dai primi minuti emerge un ritorno all’epoca aurea di un album come Painkiller, tramite chitarre deraglianti, ritmi sostenuti e la voce crudele e magnetica di Rob: le veloci “Firepower”, “Lightning Strikes” e “Evil Never Dies” suonano assolutamente metal senza suffissi di alcun tipo, mentre song come “Never The Heroes”, “Rising From Ruins” e “Spectre” sono piacevoli mid-tempo che mantengono inalterate le peculiarità sonore dei nostri, ma probabilmente uno dei brani più riusciti risulta “Flame Thrower”, vincente nella sua semplicità e nelle melodie più catchy; già, proprio quella semplicità che da sempre è l’arma che contraddistingue l’impianto sonoro dei nostri, che non si sono mai persi dietro a inutili tecnicismi, optando per un’essenzialità che li ha fatti amare da più generazioni di metallari.

Ancora una volta è rimarchevole il lavoro dietro la batteria di Travis, come appare perfettamente integrato in seno alla band il chitarrista Faulkner, abile nel non far rimpiangere il membro fondatore K. K. Downing.

Chi li dava per spacciati dopo l’abbandono dei due chitarristi storici (è recente l’addio, probabilmente definitivo, di Glenn Tipton) dovrà ampiamente ricredersi: i Priest sono ancora qui a difendere la fede!





Rob Halford: Voce
Glenn Tipton: Chitarra
Richie Faulkner: Chitarra, cori
Ian Hill: Basso
Scott Travis: Batteria

Anno: 2018
Label: Columbia, Sony Music
Genere: Heavy Metal

Tracklist:
01. Firepower
02. Lightning Strike
03. Evil Never Dies
04. Never The Heroes
05. Necromancer
06. Children Of The Sun
07. Guardians (Instrumental)
08. Rising From Ruins
09. Flame Thrower
10. Spectre
11. Traitors Gate
12. No Surrender
13. Lone Wolf
14. Sea Of Red




Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.