Home Recensioni Album Eloy - The vision, the sword and the pyre part 1

Eloy
The vision, the sword and the pyre part 1

Dopo averle dedicato un brano nell’album Destination (1992) ed un altro in The tides return forever (1994), Frank Bornemann sembra proprio aver coronato il suo sogno: un concept album dedicato a Giovanna D’Arco, l’eroina di Domrémy dal titolo The vision, the sword and the pyre  part 1.

La line-up degli Eloy 2017 è la stessa di Visionary, uscito nel 2010, (con la sola eccezione del batterista Kristof Hinz che sostituisce Bodo Schopf) e quindi annovera tra le sue file, oltre al leader-maximo Frank Bornemann (chitarra e voce), i tastieristi Michael Gerlach (nel gruppo dalla fine degli anni ’80) e Hannes Folberth (che tra un addio ed un ritorno collabora con Frank dai tempi di Colours 1980) ed il bassista Klaus Peter Matziol (con il gruppo da Dawn 1976, anche se con qualche pausa a cavallo degli anni 80/90).

The vision, the sword and the pyre part. 1
è un progetto ambizioso che ha lontane origini, come detto, e che vede ora finalmente tutti i tasselli al loro posto, con un cospicuo numero di “guests” che collaborano all’album. Come è naturale per una band che si avvicina alla 50° candelina, non possiamo immaginarci innovazioni in un sound ovviamente più che consolidato e non crediamo neppure che il fan lo chieda o lo pretenda. Ecco, dunque, tredici brani in pieno Eloy-style: la riconoscibilissima chitarra di Bornemann (ed il suo cantato in inglese dal forte accento teuronico…), le atmosfere ariose e “space” delle tastiere, i cori eterei e le notevoli melodie che caratterizzano la quasi totalità dei pezzi. A differenza degli ultimi due lavori in studio (che comunque datano sette e diciannove anni fa !!!), il suono sembra più compatto e meno sfavillante, azzarderemmo più “maturo” (non si trattasse  di un gruppo che la maturità l’ha raggiunta negli anni ’70) ed il risultato finale risulta godibilissimo.

Non mancano ovviamente le eccezioni come nell’ottima “The call” con la chitarra sferzante di Frank, le brillanti tastiere del duo Gerlach/Folberth, il cantato-recitato di Alice Merton (Giovanna) a creare una atmosfera sospesa prima dell’esplosione strumentale finale. Immancabili i riferimenti floydiani che non di rado hanno contraddistinto la produzione del gruppo e qui ben esemplificata da “The sword” che riprende in alcune parti le linee melodiche principali di “Company of angels” presente nell’ottimo The tides return forever (1994) e nella successiva, più “spacey”, “Orléans”. “The vision, the sword and the pyre” è un album dignitosissimo ed anche ispirato, lontano, ma non poteva essere altrimenti, dai capolavori come Dawn, Ocean o Silent cries and mighty echoes, ma che ci riconsegna una band che ha ancora qualcosa da offrire. Non disperiamo di vederli dal vivo, magari alle nostre latitudini (Veruno??? Magari!!) nell’attesa della seconda parte dell’album che parrebbe in calendario per il 2018.



Frank Bornemann: Vocals, guitar
Hannes Folberth: Keyboards
Michael Gerlach: Keyboards
Klaus-Peter Matziol: Bass
Kristof Hinz: Drums

Anno: 2017
Label: Artist Station Records
Genere: Prog Rock, Space Rock

Tracklist:
01. The Age Of The Hundred Years' War
02. Domremy On The 6th Of January 1412
03. Early Signs... From A Longed For Miracle
04. Autumn 1428 At Home
05. The Call
06. Vaucouleurs
07. The Ride By Night... Towards The Predestined Fate
08. Chinon
09. The Prophecy
10. The Sword
11. Orleans
12. Les Tourelles
13. Why?



Articoli Correlati

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.