Home Recensioni Album Neil Young - Hitchhiker

Neil Young
Hitchhiker

Il trentottesimo album in studio di Neil Young è in realtà un ghost album registrato nel 1976 presso l'Indigo Ranch Recording Studio a Malibu, in California. Il periodo era particolarmente prolifico: tra il 1975 e il 1977, Young e il produttore David Briggs effettuarono periodicamente sessioni di registrazione nelle notti di luna piena presso il predetto studio, con l'intento di cristallizzare la vena incredibilmente creativa che caratterizzava il folk singer canadese.

La notte dell'11 agosto del 1976 un Neil Young fortemente ispirato, armato di sola chitarra, registrò 10 pezzi di qualità incredibilmente elevata che, tuttavia, rimasero nel cassetto, quantomeno in quella primordiale versione. Buona parte di quei brani, infatti, vedrà la luce in altri album, seppur in forma rivisitata. In particolare, "Campaigner" apparve nella monumentale antologia "Decade" e "The Old Country Waltz" in "American Stars 'n Bars", entrambi pubblicati nel 1977, "Human Highway" in "Comes a Time" del 1978, "Pocahontas", "Ride My Llama" e "Powderfinger" in "Rust Never Sleeps" del 1979, "Captain Kennedy" in "Hawks & Doves" del 1980 e "Hitchhiker" addirittura trent'anni dopo, nel 2010, sul minimale e sperimentale "Le Noise".

Le versioni qui riportate sono vergini, pure, cristalline, lontanissime dal concetto di barile raschiato che normalmente anima questo tipo di operazioni: pur evidenziando un lato del folk singer piuttosto noto e molto ostentato - quello intimistico e solitario, ciclicamente da lui sempre proposto, in studio e dal vivo - la performance evoca forti, intense suggestioni. Impossibile rimanere asettici all'ascolto, giacché il documento si segnala per il suo alto valore intrinseco capace, come è, di testimoniare la natura primigenia di alcuni dei pezzi che andranno a comporre il repertorio storico del cantante (questo vale per almeno quattro dei brani sopra elencati).

Sublimato da una cover meravigliosa, l'album è peraltro impreziosito dalla presenza di due inediti, "Hawaii", sebbene un po' lontana dalla descrizione effettuata nel comunicato stampa ufficiale ("una ballata in crescendo, differente da qualsiasi altra cosa che Neil Young aveva registrato al tempo"), e "Give Me Strength", brano sporadicamente eseguito dal vivo (e soltanto nella metà degli anni '70).

Funge da garanzia, infine, la presenza di David Briggs, produttore di album molto apprezzati, tra i quali "Everybody Knows This Is Nowhere", "After the Gold Rush" e "On The Beach".

Nell'ascoltare questo disco, il cui acquisto è consigliato anche ai non completisti dell'artista canadese, non si può fare a meno di considerare amaramente che, quando si parla di vecchie glorie del passato - e Neil Young non fa eccezione, purtroppo - la qualità si nasconde spesso nei labirintici anfratti di polverosi archivi, raramente affiorando nelle recenti produzioni.

 



Neil Young
: Vocals, guitar

Anno: 2017
Label: Reprise
Genere: Rock

Tracklist:
01. Pocahontas  
02. Powderfinger  
03. Captain Kennedy  
04. Hawaii
05. Give Me Strength
06. Ride My Llama  
07. Hitchhiker  
08. Campaigner  
09. Human Highway  
10. The Old Country Waltz


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.