Home Recensioni Album Bullet-Proof - Forsaken One

Bullet-Proof
Forsaken One

Pensando ai Bullet-Proof, vengono in mente vecchi ma inossidabili soldati del metal ossessionati dal pensiero ricorrente di mai mollare la presa, nella ostinata direzione già intrapresa da tempo. 
Questa epica suggestione non è molto distante dalla realtà se si pensa che il genere da loro trattato è un thrash di matrice squisitamente classica e che almeno due dei quattro membri in organico vantano un'età piuttosto matura. La loro seconda fatica discografica è una conferma annunciata e chi scrive è doverosamente proteso a ricalcare quanto già affermato recensendo il primo album (QUI).
Gli alto-atesini elevano i mostri sacri degli anni '80 dello specifico genere a loro indiscussi maestri, sublimando con volitiva convinzione e straordinaria efficacia gli archetipi sonori da questi ultimi proposti illo tempore
Stavolta il gruppo supera se stesso. Nel primo album, evocava i Megadeth da "So Far, So Good... So What!" in poi, ma qui va decisamente oltre: tracce del gruppo di Dave Mustaine sono ancora evidenti e sempre credibilmente espresse ("Revolution", "Forsaken One" e "Might Makes Right"), ma il quartetto manifesta la volontà di magnificare anche gli Slayer più duri e aggressivi ("Abandon"), per non parlare dei richiami ai Metallica di "Master Of Puppets", le cui suggestioni magnetiche sembrano rivivere magicamente in "No One Ever", il brano che tutti ci saremmo aspettati da James Hetfield & Co. a partire dal "Black Album" ma che, malauguratamente, mai è giunto alle nostre orecchie.
Queste incredibili capacità esecutive e compositive non vengono meno anche quando la band persegue sani e genuini obiettivi da classifica, riuscendo a coniugare perfettamente qualità e sonorità più accessibili in almeno due brani, "Portrait Of The Faceless King" e "I Was Wrong", sebbene il primo superi di gran lunga il secondo in termini di originalità. 
Non c'è dubbio: i Bullet-Proof sono oggi una delle eccellenze del metal nostrano, sempre indirizzati alla esaltazione attenta di un glorioso passato, caparbiamente schierati in posizione di condanna verso le contaminazioni non sempre felici che caratterizzano il metal preceduto dall'odioso suffisso "Nu".
Non a caso, la rassegna metal “Wrong Side Of The River” - che si tiene a Bolzano, in estate, ormai da due anni - li ha giustamente visti passare dal ruolo di semplici comprimari dell'anno scorso (QUI la rece dell'evento), a quello attuale e più meritato di indiscussi headliners, capaci, come sono, anche di tenere il palco con invidiabile presenza scenica.  
Avanti così!

 

Richard Hupka: Chitarra e voce
Max Pincle: Chitarra e cori
Federico Fontanari: Basso e cori
Lukas Hupka: Batteria


Anno: 2017
Label: Sleaszy Rider Records
Genere: Thrash metal


TRACKLIST

01. Might Makes Right
02. Forsaken One
03. Portrait Of The Faceless King
04. No One Ever
05. I Was Wrong
06. Abandon
07. Lust
08. Revolution
09. Little Boy



Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.