Home Recensioni Album Monkey Diet - Inner Gobi

Monkey Diet
Inner Gobi

Inner Gobi è una di quelle incisioni che convince sin dal primo ascolto. Ovviamente bisogna saper apprezzare il genere musicale affrontato, ma una volta superati i primi minuti di inquadramento, il risultato è garantito. Si tratta di un album interamente strumentale, le cui strutture ricordano a più riprese quelle dei King Crimson di Starless and bible black e Red, e forse vagamente quelle dei Black Sabbath. Per questo potrebbe essere associato semplicemente al prog o classificato come stoner, ma forse il genere più appropriato è quello della dark-prog-fusion-rock.

I musicisti, provenienti dall’ambiente rock-prog, sono solo tre e le sonorità sono essenziali con pochissimi fronzoli elettronici e proprio per questi motivi, trattandosi di un album privo di cantato, il lavoro strumentale è stato quanto mai intenso, caratteristica quest’ultima obbligata per l’ottenimento di un prodotto valido ed interessante.
Basso, chitarra e batteria sono sempre contemporaneamente in evidenza in maniera esemplare.
Le ritmiche non fanno da semplice accompagnamento e il chitarrista Martelli costruisce le melodie su consolidate ma mai banali strutture.

Le capacità solistiche dei tre artisti sono di elevata caratura tecnica e sebbene l’improvvisazione sia una componente fondamentale dell’intero album, è tangibile quanto i brani siano dotati di peculiari e precise strutture compositive tutt’altro che casuali.
I suoni, poco pomposi, sono netti, puliti, decisi e molto gradevoli, ma soprattutto ideali per godersi il lavoro svolto da ogni singolo strumento. Ci si può concentrare infatti su ogni singolo strumento o lasciarsi guidare dall’impatto sonoro d’insieme.
Non è per nulla un disco retrò o datato. É un certosino lavoro di tecnica e atmosfere dark.

Anche l’art-work immaginifico e noir, curato da Lorenzo Sammartino, è di grande effetto con le sue tonalità di colore soffuse e sfumate.
A volte in gergo redazionale è uso dire che un album “merita attenzione” quando ha degli elementi che ne giustificano il tempo speso per ascoltarlo. In questo caso mi sento invece di consigliarlo vivamente non solo a titolo conoscitivo, ma come vero e proprio acquisto da inserire tra i preferiti della propria discoteca.




Gabriele Martelli: Chitarre elettriche ed acustiche,  synth
Daniele Piccinini: Basso e Synth
Roberto Bernardi: Batteria

Anno: 2017
Label: Black Widow Records / Goodfellas
Genere: dark-prog-fusion-rock


Tracklist:
01. Ego Loss
02. Inner Gobi
03. Slidin’ Bikes
04. The Endless Day of  Robby the Ant
05. Moth
06. Sorry Son…(I’ve Lost Your Car)
07. Moonshine
08. Seppuku
09. Viking


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.