Home Recensioni Album Cellar Noise - Alight

Cellar Noise
Alight

Il battage pubblicitario, il passaparola, la produzione artistica di Fabio Zuffanti… insomma i motivi di curiosità per l’album d’esordio dei giovani milanesi Cellar Noise erano parecchi. La band è “nata” del 2013 dall’incontro del tastierista Niccolò Gallani con il chitarrista Alessandro Palmisano. Entrambi appassionati di progressive rock decidono di dare vita al progetto Cellar Noise. L’ingresso del cantante (ed autore dei testi) Francesco Lovari e, successivamente, dei fratelli Loris ed Eric Bersan (basso e batteria) danno la configurazione definitiva alla band. Il gruppo inizia a presentare i propri brani dal vivo, suscitando un interesse crescente, tanto che Fabio Zuffanti si propone come produttore artistico per l’album di debutto, Alight, appena pubblicato dalla AMS Records.

L’album è un concept incentrato sulla vita di un anonimo impiegato che, come nelle varie diramazioni di una metropolitana, cambia “linea” e vita alla ricerca di se stesso. E’ un rock sinfonico, quello del gruppo milanese, che trae origine negli anni '70, ma che si colora di tonalità più attuali, risultando convincente sia nelle parti cantate (in inglese), sia nelle pregevoli soluzioni strumentali. Un lavoro dinamico e coinvolgente e, per certi aspetti, “rassicurante” con tutti gli ingredienti dosati nella giusta misura e tali da rendere appetitoso ognuno dei cinquanta minuti di durata dell’album. La traccia iniziale, “Dive with me” è uno strumentale ad ampio respiro dominato dalle numerose tastiere di Gallani (organo, mellotron, synth…) ed impreziosito dagli interventi di Chiara Alberti (cello), Luca Tarantino (oboe) e Giulia Zanardo (flauto).

Le band di riferimento? Strano a dirsi ma Hostsonaten ed Ezra Winston (soprattutto il secondo album) non sono così distanti. “Underground ride” ci permette di apprezzare la calda voce di Francesco Lovari. L’inizio è dolcemente acustico e vellutato, poi qualche spunto dell’elettrica di Palmisano prima che il brano distenda le ali in una sinfonia di colori e suoni abbaglianti. In “Embankment”, dopo un inizio soft, la band mostra i muscoli con ritmiche sferzanti e chitarra heavy, appena stemperate dalle immancabili incursioni di Gallani. Emozionante e malinconico il finale per voce e pianoforte. L’oscura “Temple” è un altro sviluppo del sound dei Cellar Noise che, nei momenti più hard, “flirta” con gli ultimi Porcupine Tree (ecco un altro riferimento attuale per la band). Finale ancora da brividi con chitarre acustiche, oboe ed un bell’intervento di Palmisano ad aggiungere quel “quid” al già splendido brano. Quando tutto sembra volgere al termine un’ulteriore esplosione strumentale va a coronare un brano davvero sontuoso. Fra tanto splendore la frizzante “Blackfriars” passa quasi in secondo piano, anche perché il brano successivo “Move the stone” è un’altra prova cristallina delle capacità della band di creare atmosfere delicate e seducenti. Su coordinate simili si pone la conclusiva “Monument” con un ottimo e pirotecnico finale.

I giovanissimi Cellar Noise fanno centro al primo tentativo e confermano la vitalità della scena “progressive” italiana. Ora però viene il difficile, con “l’obbligo” di ripetersi a questi altissimi livelli.



 

Francesco Lovari: Voce e percussioni 
Niccolò Gallani: Tastiere
Alessandro Palmisano: Chitarra
Loris Bersan: Basso
Eric Bersan: Batteria

Anno: 2017
Label: AMS Records
Genere: Prog Rock

Tracklist:
01. Dive with me 
02. Underground Ride 
03. Embankment 
04. Temple 
05. Blackfriars 
06. Move the Stone 
07. Monument


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.