Home Recensioni Album Kate Bush - Before the Dawn

Kate Bush
Before the Dawn

Non è certamente il primo live di Kate Bush, come pomposamente strombazzato in rete da improvvisati e autoproclamati cultori musicali (ricordiamo l'EP "On Stage" e il VHS/CD "Live at the Hammersmith Odeon", entrambi riportanti performances del 1979), né documenta un'esibizione vocale impeccabile giacché la donna è lontana dalla leggiadra figura di usignolo nelle cui vesti si espresse alla fine degli anni '70 e per tutta la durata dei successivi '80.  Inoltre, presenta un setlist assai lontano dal celebrare l'intero repertorio (più proteso a documentare l'arte recente della cantante inglese, piuttosto che la sua prima discografia), ed è impoverito da un numero contenutissimo di successi storici (“Hounds of love”, "Running up that hill” e “Cloudbusting”), da un brano registrato senza la presenza del pubblico (“Never be mine”) e da un altro pezzo ("Tawny Moon") non cantato da lei ma, piuttosto incredibilmente, da suo figlio Albert McIntosh.
Sembrerebbe un inizio disastroso, per una recensione, ma non è così.
Questa imponente uscita discografica è una testimonianza più unica che rara, in quanto documenta il meglio di 22 spettacoli tenuti nel 2014 a Londra, dopo ben 35 anni di latitanza dai palchi.
Nell'arco di tutta la sua carriera, infatti, Kate Bush ha ostentato con orgoglio quest'ultima scelta, centellinando i concerti dal vivo e misurando le apparizioni pubbliche.
Ne consegue che le emozioni che scaturiscono ascoltando la musica di "Before The Dawn" - non un semplice concerto ma anche e soprattutto una meravigliosa rappresentazione teatrale (ed è un vero peccato che non sia prevista anche l'uscita in DVD) - superano il valore assoluto dell'opera, certamente inferiore ad un ipotizzabile disco omologo uscito nel periodo d'oro dell'artista, e si concentrano su quello intrinseco, quello sì, elevatissimo ed ineguagliabile.
Restano pertanto immutati la stima, l'affetto e il riconoscimento nei confronti dell'artista, un tempo istrionica e seduttiva, oggi rassicurante e riservata ma non meno capace di esercitare ascendenze nei confronti degli appassionati, stimolando in maniera unica e irripetibile sensazioni e ricordi dal forte substrato emotivo.


Kate Bush: Piano, vocals, pre-recorded synths
Jon Carin: Keyboards, guitars, programming
Mino Cinelu: Percussion
John Giblin: Bass
Frissi Karlsson: Guitars, bouzouki, charango
Omar Hakim: Drums
Kevin McAlea: Keyboards, Uilleann pipes, accordion
David Rhodes: Guitars
Jacqui DuBois: Chorus
Sandra Marvin: Chorus
Albert McIntosh: Chorus, Ben ("The Ninth Wave"), lead vocals ("Tawny Moon")
Bob Harms: Chorus, Dad ("The Ninth Wave')
Jo Servi: Chorus, Witchfinder ("The Ninth Wave")
Baz Tymms: Chorus

Anno: 2016
Label: Concord Music Group
Genere: Pop/prog

Tracklist:
Act I
01. Lily 4:48
02. Hounds Of Love 3:33
03. Joanni 6:07
04. Top Of The City 5:24
05. Never Be Mine 5:55
06. Running Up That Hill (A Deal With God) 5:41
07. King Of The Mountain 8:06
Act II
01. Astronomers Call (Spoken Monologue) 2:44
02. And Dream Of Sheep 3:37
03. Under Ice 3:04
04. Waking The Witch 6:39
05. Watching Them Without Her (Dialogue) 1:58
06. Watching You Without Me 4:24
07. Little Light 2:08
08. Jig Of Life 4:12
09. Hello Earth 7:55
10. The Morning Fog 5:24
Act III
01. Prelude 1:56
02. Prologue 10:10
03. An Architect's Dream 5:22
04. The Painter's Link 1:40
05. Sunset 8:01
06. Aerial Tal 1:31
07. Somewhere In Between 6:59
08. Tawny Moon 6:08
09. Nocturn 8:52
10. Aerial 9:44
11. Among Angels 5:49
12. Cloudbusting 7:17

 


Banner

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.