Home Recensioni Album Rovescio della Medaglia - Tribal Domestic

Rovescio della Medaglia
Tribal Domestic

Finalmente il Rovescio della Medaglia torna ai vecchi splendori. Dopo i pessimi "Il Ritorno" e "Vitae" - banali album di pop rock che calpestavano impietosamente la gloriosa tradizione del gruppo - e il successivo "Microstorie", non proprio hard rock, né prog, ma certamente di qualità, ecco finalmente l'album del Rovescio che tutti aspettavano da anni. 
Lo stile è certamente diverso dal periodo RCA ma la musica è di altissima qualità e le etichette "Cramps", "Progressivamente" e "Prog Italia", ostentate bellamente sul retro copertina, sono adesso più che mai appropriate.
Si tratta di un'opera in bilico tra prog e hard che appare totalmente convincente nelle sue espressioni strumentali, mentre piccole riserve si nutrono sui testi, non sempre immediati, talvolta prevedibili, ma incredibilmente ben cantati (e non poteva essere altrimenti, essendo la voce prevalentemente affidata a Chris Catena, un grande del metal nostrano). Tuttavia, si tratta di un neo oltremodo trascurabile se si pensa che il prog suonato appare moderno e dinamico, mai una volta celebrativo del vecchio Rovescio, ma non per questo meno valido. La formula è nuova e oltremodo avvincente: i cambi di tempo si susseguono, le atmosfere si avvicendano, i brani non sono mai ripetitivi o prevedibili.
L'impronta hard è determinata dalla chitarra, estremamente graffiante, sempre stridula, votata spesso al funambolismo intelligente e mai fine a se stesso. 
L'Orchestra Filarmonica Calabrese condotta da Alexander Frey (sovvenzionata in parte dai fans, previa richiesta di Enzo Vita in persona) - che contribuisce all'esecuzione dalla suite che occupa l'intero lato uno - conferisce al disco quel suggestivo sapore retrò, tipico della cultura settantiana, a cui il nuovo Rovescio sembra finalmente - e speriamo stabilmente - tornato.

L'augurio è di continuare su questa strada, nel caso fosse in programma un'altra uscita discografica.  





Enzo Vita: guitars
Chris Catena: vocals (1-4)
Pino Ballarini: vocals (5)
Jannes Stark: II guitar (6)
Nalle Pahlsson: bass (6)
Fernando Petry: bass (1-5)
Vivien Lalu: synth (1)
Enrico Solazzo: keyboards (6)
Rino Amato: keyboards (1-5)
Cristiano Micalizzi: drums (1, 6)
John Macaluso: drums (3, 4)
Gianluca Catalani: drums (2, 5)
Orchestra Filarmonica Calabrese (Conductor Alexander Frey) (1)

Anno: 2016
Label: Sony/Bmg
Genere: Prog

Tracklist
01. Tribal Domestic Suite     
02. L'origine     
03. Mutazione x     
04. La sacra eternità
05. L'apocalisse     
06. Proclama





Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.