Home Recensioni Album Pat Metheny, Ian Garbarek, Gary Burton - Hommage to Eberhard Weber

Pat Metheny, Ian Garbarek, Gary Burton
Hommage to Eberhard Weber

A cercare di sintetizzare in poche righe la carriera artistica di Eberhard Weber, si rischia di mancargli di rispetto: bassista, contrabassista, compositore, Weber è autore di una consistente discografia a suo nome (14 album e 3 antologie a partire dal 1973) più diverse ospitate di un certo pregio: è apparso nei lavori discografici, tra gli altri, di Gary Burton, Jan Garbarek, Pat Metheny, Ralph Towner, Mal Waldron. La sua raffinata vena artistica è anche espressione di inaspettata versatilità: compare, infatti, ed è superfluo aggiungere altro, nei quattro lavori meno abbordabili di Kate Bush ("The Dreaming", "Hounds of Love", "The Sensual World", "Aerial").
Registrato a Stoccarda, nel gennaio 2015, in occasione del 75° compleanno del bassista tedesco - tuttora in vita ma paralizzato dal 2007 a seguito di un ictus - questo concerto vede la presenza di un cast eccezionale riunito attorno al trio Metheny/Garbarek/Burton, sorta di denominatore comune dell'intera opera.
Nel corso della sua carriera, Weber ha lavorato incessantemente per dare al jazz europeo una propria autonomia e questa sua volontà appare oltremodo evidente ascoltando questo disco contenente cinque composizioni a sua firma di caratura elevatissima, tutte altamente intrise di elegante multiespressività.
Su "Maurizius", ad esempio, la presenza del sax sembra sulle prime ingombrante ma il lirismo compositivo del bassista ridimensiona l'estro del solista fino a renderlo un tutt'uno esecutivo di inestimabile substrato artistico.
A questi brani si aggiunge il monumentale "Hommage", a firma di Metheny, che merita di essere plurimenzionato: innanzitutto è permeato dalla presenza del bassista, giacchè incorpora magistralmente la complessa ma magnetica ascendenza da egli esercitata; è anche il primo brano per Big Band scritto dal chitarrista americano nonché il più lungo della sua intera discografia (più di 31 minuti).
Infine, testimonia due ricongiungimenti, che si verificano oggi a distanza di 30 anni: rinnova l'affiancamento di Metheny con Danny Gottlieb, il suo primo batterista, e con la ECM, sua label discografica degli esordi.
Superfluo aggiungere altro.



 

Pat Metheny: chitarra
Jan Garbarek: sax tenore e soprano
Gary Burton: vibrafono
with
Scott Colley
: contrabbasso
Danny Gottlieb: batteria
Helge Sunde: trombone    
Mike Gibbs: tastiere
Paul McCandless: oboe, corno inglese, sax soprano
The SWR Big Band

Anno: 2015
Label: Jazz
Genere: ECM

Tracklist:
01. Résumé Variations    
02. Hommage     
03. Touch
04. Maurizius    
05. Tübingen     
06. Notes After an Evening

 

Banner

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.