Believe
Yesterday Is A Friend

Stampa

Mirek Gil, una delle anime dei disciolti Collage (gruppo di punta del prog polacco anni ’90) non se ne rimane inoperoso e risponde subito al recente “Into the night” dei Satellite (in cui militano gli altri ex Collage) con la nuova e seconda release dei “suoi” Believe dal titolo Yesterday is a Friend. La proposta non si discosta molto da quello che genericamente possiamo definire un suono “new-prog”, ma il gruppo possiede malgrado ciò delle caratteristiche peculiari che lo rendono comunque interessante. In primis la presenza, discreta, ma di spessore della violinista Satomi, che arricchisce lo spettro sonoro del gruppo, con interventi deliziosi e mai banali; pregevole, ma solo in un brano purtroppo, anche l’intervento al flauto dell’ospite Karol Wroblewski.
Sonorità, dunque, dal vago sapore di “già sentito” (niente a che vedere con l’originalità dei connazionali Alters, tanto per capirci), ma sicuramente più intriganti, fresche, frizzanti del classico (e magari stancante) album new-prog.
Lo stesso Gil, mi pare musicalmente molto maturato e anche se una certa qual vena rotheriana di fondo rimane, la sua personalità artistica si presenta ora più delineata e definita.
Le tastiere, dell’altro ospite Adam Milosz, lungi dall’essere invadenti e soverchianti, fungono molto bene da raccordo sonoro fra la ritmica (Przemas Zawadzki al basso e Vlodi Tafel alla batteria) e l’elettrica di Gil.
Tutti i brani sono sufficientemente elaborati, con una buona ricerca melodica: ora più intimisti ora più rock e pure il cantante Tomek Rozycki ha modo di ritagliarsi i propri spazi: mai sopra le righe, ma sempre presente anche con una certa dose di versatilità.
Ottimo esempio del sound della band è “What they want”, che con i suoi 8 minuti è anche il brano più lungo presente nell’album: inizio con chitarra acustica e violino, incedere ipnotico che può ricordare i Porcupine Tree, bel solo di chitarra elettrica e ritorno alle atmosfere acustiche con piano, flauto e ancora violino.

Un album piacevole, quindi, certamente non un capolavoro, ma ben suonato, ben prodotto e in definitiva un altro centro della sempre più intraprendente Metal Mind.

80/100


Mirek Gil: Chitarre
Tomek Rozycki: Voce, chitarra acustica
Przemas Zawadzki: Basso
Vlodi Tafel: Batteria
Satomi: Violino

Guests
Adam Milosz: Tastiere
Winicjusz Chrost: Chitarra in What they Want (Is my Life)
Karol Wroblewski: Flauto

Anno: 2008
Label: MetalMind
Genere: Progressive Rock

Tracklist:
01. Time
02. Tumor
03. What they Want (Is my Life)
04. Mystery is Closer
05. You & Me
06. Danny had a Neighbour
07. Memories
08. Unfaithful
09. Together

Bonus tracks on digipack version:
10. I Wish I Could
11. Holy Night
12. Best Wishes for Robert Fripp

Sul web:
Believe

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.