Home Recensioni Album King Crimson - The Elements of King Crimson

King Crimson
The Elements of King Crimson

Si tratta di una speciale edizione limitata pubblicata in occasione del minitour americano della nuova formazione, venduto soltanto dalla band o acquistabile nei punti vendita ufficiali accordati da Fripp. I due CD contengono estratti, registrazioni in studio, versioni alternative, brani live, prove e registrazioni che coprono tutto il range temprale di vita della band (1969-2014).
Il contenuto è meno focalizzato sulle canzoni attuali e più incentrato sul passato. Alcuni di questi brani sono già stati rilasciati dal sito della DGM, in download, mentre altri verranno inseriti nelle future release della DGM.
Il box si evidenzia quale unico documento che, al momento, testimonia l'attività della nuova formazione a 7 elementi (tre batteristi, due chitarristi di cui uno cantante, un fiatista, un bassista).

E' necessario fare il punto sulle evoluzioni che hanno caratterizzato l'organico dagli anni '90 ad oggi.
Nel 1994 il gruppo si rigenera sottoforma di "Double Trio", composto da due chitarristi (uno anche cantante), due bassisti e due batteristi (Fripp/Belew, Levin/Gunn, Bruford/Mastelotto). Si tratta certamente di una evoluzione della formazione degli anni '80, composta dai primi 4. Questa incarnazione pubblica due album a nome King Crimson (l'Ep VROOOM del 1994 e l'album THRAK dell'anno successivo), alcuni live e diversi progetti paralleli (conosciuti come "ProjeKcts", se ne contano almeno 4 e sono incarnazioni con alcuni membri della band, sempre diversi tra loro).

Negli anni 2000 il gruppo ritorna alla formula quartetto con Fripp, Belew, Mastelotto, Gunn. Questo organico è certamente il più prolifico del nuovo corso talchè pubblica gli album The ConstruKction of Light (2000), Heaven and Earth (uscito nel 2000, curiosamente a nome "ProjeKct X" e non King Crimson), The Power to Believe (2003), l'Ep Happy with What You Have to Be Happy With (2001) nonché, come di consueto, alcuni album live.
Nel 2004 Gunn è sostituito da Tony Levin, mentre 4 anni dopo si aggiunge un secondo batterista, Gavin Harrison
Entrambe queste incarnazioni non hanno pubblicato materiale in studio, limitandosi alla sola attività live (se non erro, solo la seconda pubblicherà brani scaricabili dal sito).
Nel 2011 la formazione è pesantemente rimaneggiata talchè rientra in formazione Mel Collins mentre Adrian Belew è sostituito da Jakko Jakszyk (già con i "21st Century Schizoid Man", supergruppo composto da Mel Collins, Peter Giles, Ian McDonald, Michael Giles, poi sostituito Ian Wallace, tutti vecchi membri dei Crimson ad eccezione dello stesso Jakszyk, qui in veste di cantante e chitarrista). Di fatto Belew risulta ancora nella formazione ufficiale giacché l'album pubblicato nel 2011 (A Scarcity of Miracles) non esce a nome King Crismon, bensì "Jakszyk, Fripp and Collins with Levin & Harrison - A King Crimson ProjeKct".

Nel 2013 l'organico si estende a 7 elementi con l'ingresso di un terzo batterista, Bill Rieflin: a questo punto, firmandosi con lo storico moniker, Belew è ufficialmente fuori, peraltro contro il suo volere (il chitarrista/cantante costituirà una formazione parallela - The Crimson Project - modellata sulla scorta del double sextet, curiosamente comprendente anche Levin e Mastellotto che, di fatto, permangono nelle due band contemporaneamente).

Orbene, fatta questa doverosa premessa, analizzo ora il contenuto del box set.
Quindici brani sul primo CD, di cui solo 2 brani sono veramente inediti ("Hoodoo" e "Larks' Tongues in Aspic" entrambi suonati dall'attuale incarnazione) mentre altri 4 ("I Talk To The Wind", "Cirkus" - 5° brano, "Sailor's Tale", "Fallen Angel" - 12° brano, "Starless") lo sono su CD giacchè erano apparsi in download sul sito ufficiale della band.

I brani "Wind Extract", "Cadence and Cascade", "The Talking Drum", "Larks' Tongues in Aspic" (10° brano) sono estratti dai box set  40th Anniversary Series de In the Court of the Crimson King, In the Wake of Poseidon, Larks' Tongues in Aspic.
"Cirkus" (4° brano) e "Fallen Angel" furono realizzati nel 2011, come parte del DGM Live Hot Tickles, podcast oggi scaricabili sul sito della DGM Live (Mr Stormy's Monday Selection Vol.4).
Un'altra versione di "Cirkus" (5° brano) è inedita ancora per poco giacché apparirà nella imminente Collectable King Crimson Vol. 7).
"Fracture" (11° brano) è stato pubblicato nel live The Night Watch. Il mix qui proposto verrà inserito nel box set celebrativo di Starless.

"21st Century Schizoid Man" è stato pubblicata nei box set The Great Deceiver, The Road to Red, 40th Anniversary di USA (tutto lo show da cui è estratto il brano è comunque scaricabile dal sito della band).

Passando al secondo CD (14 brani), "Discipline" è stato pubblicato nell'Anniversary edition dell'album omonimo, "The Deception Of The Thrush" era incluso in The ProjeKcts box (un box set che racchiudeva buona parte delle performances dei 4 ProjeKcts), "Neurotica", "Sleepless" e "Sex, Sleep, Eat, Drink, Dream" sono inedite ancora per poco (anche queste!), giacché appariranno sui box set dei 40 anni di Beat, Three Of A Perfect Pair e su un box celebrativo di THRAK (troppo oneroso, anagraficamente parlando - aspettare 40 anni per celebrare questo album).
"Neal and Jack and Me", "THRAK", "Heaven & Earth (early edit)", "Level Five" sono tutti inediti su  cd, ma già pubblicati sul sito per il download.
I soli brani veramente inediti sono "Three Headed Doom (part 1)", "Venturing Unto Joy", "The Hell-Hounds of Krim", "A Scarcity Of Miracles (alternative)" e "Separation": i primi tre suonati dall'attuale incarnazione, mentre gli altri due (la seconda è completamente inedita), sono estratti dalle sessions di A Scarcity Of Miracles).

I contenuti risalenti agli anni '70, '80 e '90 sono esattamente ciò che ci si aspetta quando si legge "alternate takes" sulla copertina: materiale alternativo della band di qualità assolutamente non deludente (fatta eccezione per "Wind Extract", poco più di un alito di vento, una sonorizzazione decisamente trascurabile estratta dal primo album).
Quanto agli anni 2000, che sono quelli che più ci premono giacché testimoniano la nuova direzione della band, c'è da rimanere delusi.
Come detto, sono presenti due brani della formazione del 2000 (una attribuita al ProjeKct Four e una al ProjeKct X), una del 2008, due di "Jakszyk, Fripp and Collins - A King Crimson ProjeKct") e cinque dell'attuale incarnazione (tutti presenti in forma edit: le versioni estese appariranno nell'imminente album).

Mi soffermo sugli ultimi sette, certamente i più rappresentativi delle recenti (e spesso incomprensibili) volontà del Signor Fripp.
Le registrazioni del 2014 qui pubblicate rappresentano l'unica testimonianza al momento reperibile della formazione a 7 elementi: va detto che si tratta di estratti (ci si chiede il perchè di una tale scelta):
- "Hoodoo" e "Venturing Unto Joy" sono brevissimi intermezzi, molto vicini alle cose schizofreniche prodotte negli anni 2000, a loro volta fortemente derivative del periodo RED e di talune delle cose più estreme degli anni '80. Cose già sentite, purtroppo;
- "The Hell Hounds Of Krim" e "Three Headed Doom (Part 1)" sono assoli (anche questi brevissimi) suonati dai tre batteristi. Il primo non è affatto avvincente (considerando quanto fatto in passato dal double sextet, certamente per meriti attribuibili all'immenso Bill Bruford, non certo all'insulso Pat Mastelotto), ma acquista un suo senso logico allorquando lo si aggancia senza soluzione di continuità a "Separation" (anch'esso inedito, ma suonato dalla formazione a 5 elementi del 2011, estratto dalle sessions di A Scarcity Of Miracles), pezzo molto valido sebbene pericolosamente vicino a quanto proposto nei vari capitoli di Lark' Tongues in Aspic. Il secondo è avvincente, ma perde il suo potenziale perché precede "Neurotica", con cui non realizza alcuna osmosi, sia in quanto a qualità sonora (incredibilmente datata quella degli anni '80, peraltro live), sia in quanto ad atmosfere musicali, decisamente poco complementari tra loro.
Per dovere di completezza, cito infine anche l'alternative take di "A Scarcity Of Miracles", che rappresenta senza dubbio l'unico momento pregevole di un album (l'omonimo del 2011), veramente piatto, appassito, scialbo.
- "Lark' Tongues in Aspic Part I", infine, è una riproposizione interessante, soprattutto per le tre batterie che propongono intrecci incredibili, inediti, perfettamente in bilico tra ordine caotico e irruenza disciplinata. L'unico neo è rappresentato dal fatto che, pur essendo il brano più lungo di quelli suonati dalla nuova formazione, è troppo breve (anche questo!), non superando i 3 minuti.

Resta l'amarezza, tra le tante, di non vedere pubblicato materiale dell'incarnazione del 2008 (Fripp, Belew, Mastelotto, Levin, Harrison), con un Belew che si evidenziava da sempre elemento fondamentale della band e con il validissimo Gavin Harrison, ottimo sostituto di Bruford (Harrison è tuttora presente, ma a mio avviso, è spento dalla invadente presenza degli altri due).   
L'opera è corredata di una libretto di 24 pagine con le foto dei nuovi membri, le varie incarnazioni della band, foto d'epoca, estratti dal diario della band, un lungo commento di Sid Smith, il biografo del gruppo.

Se ancora non l'avete capito, solo per completisti. Per quanto mi riguarda, lo conservo più per finalità collezionistiche, relegandolo ad ascolti di sottofondo.

Per i neofiti, ci sono altre antologie, certamente più valide.

Voto: 65/100


Robert Fripp: Guitars, Keyboards, Soundscapes
Michael Giles
, Ian Wallace, Bill Bruford, Jamie Muir, Pat Mastelotto, Gavin Harrison, Bill Rieflin: Drums,  Percussion
Ian McDonald: Woodwinds, Keyboards
Greg Lake, Boz Burrell, John Wetton: Vocals, Bass
Peter Sinfield, Richard Palmer-James: Lyrics
Peter Giles: Bass
Mel Collins: Saxophones, Flutes
David Cross: Violin
Mark Charig: Cornet
Tony Levin: Bass, Chapman Stick
Adrian Belew, Jakko Jakszyk: Guitar, Vocals, Lyrics
Trey Gunn: Chapman Stick, Warr Guitar


The Elements of King Crimson (Tour box)
Anno: 2014
Label: Autoproduzione
Genere: Progressive Rock


Tracklist:
Disco 1

01.  Wind Extract 
02.  I Talk to the Wind 
03.  Cadence and Cascade
04.  Cirkus (guitar extract) 
05.  Cirkus (live)
06.  Hoodooo (extract) 
07.  Sailor's Tale (guitar solo - early take)
08.  The Talking Drum (Steven Wilson alt mix) 
09.  Larks' Tongues in Aspic (extract) 
10.  Larks' Tongues in Aspic (extract)
11.  Fracture (SW 2014 mix) 
12.  Fallen Angel (extract) 
13.  Fallen Angel 
14.  21st Century Schizoid Man 
15.  Starless (extract - Mark) 

Disco 2
01.  Discipline (alt take) 
02.  Three Headed Doom (part 1) 
03.  Neurotica 
04.  Neal and Jack and Me (extract - early version) 
05.  Sleepless (Bearsville) (SW mix)
06.  Sex Sleep Eat Drink Dream (rec session)
07.  THRAK 
08.  Venturing Into Joy (edit) 
09.  The Deception of the Thrush 
10.  Heaven & Earth (early edit) 
11.  Level Five 
12.  The Hell Hounds of Krim
13.  Separation (edit)
14.  A Scarcity of Miracles (alt take) 



Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.