Home Recensioni Album Pandora - Alibi Filosofico

Pandora
Alibi Filosofico

Non è stato un approccio facile quello con il terzo lavoro in studio dei piemontesi Pandora. Il precedente Sempre e ovunque oltre il sogno seppur formalmente ineccepibile mi aveva lasciato più di un dubbio sull'operato della band (testi, voce....).

Ecco quindi che Alibi filosofico era piuttosto atteso  per capire o almeno cercare di capire la direzione presa dalla famiglia Colombo (father and son) e da Corrado Grappeggia, i 3 titolari del progetto.7 brani vanno a comporre il nuovo album. Di questi, i primi due ( “Il necromante, Khurastos e la prossima vittima” e “Né titolo né parole” ) si collegano dal punto di vista lirico al precedente “Sempre e ovunque....” riprendendo ed approfondendo la saga di Chat Bat; mentre “La risalita” ed “Apollo” sono idealmente unite allo strumentale “Pandora” presente nel primo album del gruppo “Dramma di un poeta ubriaco” di qualche anno fa. L'inizio di “Il necromante......” è quanto di più heavy abbiano mai sfornato le menti del gruppo con chitarra elettrica e tastiere virulente a rincorrersi senza posa. La voce “lontana” di Grappeggia contribuisce ad enfatizzare i vortici sonori creati dalla musica, parto esclusivo, in questo frangente, di Claudio Colombo (batteria-basso-chitarre-tastiere-cori-birra e  patatine............).

Se un maglio d'acciaio ci aveva scosso con il primo brano, non è certo una carezza quella che ci sfiora con “Né titolo né parole” (dedicata a Jon Lord). L'introduzione acustica è solo un'illusione, poi il ritmo si fa più incalzante con organo “purpleiano” in evidenza, vocalizzi eterei e grintoso finale in crescendo da applausi. “La risalita” ci consegna un Claudio Colombo nelle vesti inedite o quasi di unico esecutore alle tastiere, di un brano di soffusa e soffice malinconia così distante dal ponderoso vortice dei primi due pezzi, ma comunque dotato di grande atmosfera. Il sax di David Jackson (uno delle numerose e titolate “guests” presenti nell'album) ci schiude le porte di “Apollo” forse il brano più atipico del lotto che a tratti va a sfiorare il jazz-rock. Azzeccata anche la scelta di lasciare le parti cantate ( o meglio recitate) in secondo piano e a carico di membri esterni al gruppo (nella fattispecie a Emoni Viruet e a Duilio Mongittu), preferendo far “cantare” la musica.

Bello il ritratto del pittore Ligabue tratteggiato con amore da Corrado Grappeggia in “Tony il matto” con ancora Mr. Jackson a prestare la sua preziosa opera ( ed i suoi numerosi sax oltre al flauto...). Una fragranza etnica introduce “Sempre con me” che seppur più di maniera, evidenzia una cresciuta qualità lirica ed un miglior utilizzo dello strumento-voce certamente non un punto di forza della band nei due lavori precedenti. La title-track è una bella mini-suite, con qualche piacevole pennellata heavy, ma con delle liriche che suscitano qualche perplessità e forse più adatte ad altro “genere” musicale..... Ciò non toglie valore alla musica, sempre di alto livello, con le tre tastiere ( i due Colombo più Grappeggia) senza più argine alcuno.

Alibi filosofico è sicuramente un buon lavoro (a nostro avviso il migliore della band) e conferma la vena creativa del trio senza  le incertezze che avevano contraddistinto e limitato i due precedenti episodi (peraltro di valore) ed inoltre manifesta una sempre più spiccata  personalità nel suo membro più giovane, e vero motore del gruppo, Claudio Colombo , fatto che non può che farci auspicare un ulteriore passo in avanti. Sperando che la direzione sia quella giusta naturalmente....


80/100


Beppe Colombo: Tastiere, voce
Claudio Colombo: Batteria, chitarra, basso
Corrado Grappeggia: Tastiere, voce

Anno: 2013
Label: Ams Records
Genere: Progressive Rock

Tracklist:
01. Il Necromante, Khurastos e la Prossima Vittima
02. Ne Titolo Ne Parole
03. La Risalita
04. Apollo
05. Tony il Matto
06. Sempre con Me
07. Alibi Filosofico


Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.