Home Recensioni Album Artillery - When Death Comes

Artillery
When Death Comes

Oggettivamente riconosciuti come una delle più genuine realtà del thrash europeo, gli Artillery esordirono nel 1985 con l’album “Fear Of Tomorrow” sebbene solo con “By Inheritance” del 1990 fu riconosciuta la loro bravura ed influenza, talché l’album venne unanimemente considerato uno dei capolavori del genere, quantomeno nei (già inflazionati) contesti europei. Dopo una reunion nel 1999, che generò il dignitoso “B.A.C.K”, il gruppo si è nuovamente riunito lo scorso anno, dando alle stampe un DVD molto apprezzato intitolato “One Foot In The Grave, The Other One In The Trash”.

Oggi, la medesima formazione partorisce questa nuova raccolta di inediti dal titolo “When Death Comes”. Ingabbiare questo lavoro nei (pur estesi) confini del genere thrash ci sembra assolutamente ingeneroso. Il gruppo si è evoluto: guarda al futuro con occhio attento alle proprie radici ed influenze musicali, proponendo una formula musicale che risulta alquanto avvincente. Il substrato dell’opera è certamente riconducibile al periodo della maturità thrash (collocabile verso la fine degli anni ’80), ben richiamato da riff fulminei e da ritmiche assai veloci. Tuttavia, il nuovo cantante, Søren Adamsen, possiede una voce potente ed autorevole, tipica del più degno e rappresentativo epic metal, stile musicale che, peraltro, la band tutta cita in continuazione in maniera assolutamente pregevole, ben incastonandolo nei rapidi contesti che il genere ultra-veloce impone. Spesso, il gruppo è votato al cambio di tempo, una scelta che si identifica più come genuina espressione di maturità, piuttosto che come gratuito sfoggio di eclettismo musicale o, peggio, di spocchiosa spavalderia. Inoltre, alcuni assoli di chitarra, nonché alcuni riff, citano in maniera intelligente certo NWOBM di maniera. Infine, la produzione risulta estremamente pulita e ordinata: verrebbe da dire “assai laccata”, ma la cosa suona in termini dispregiativi e noi, invece, vogliano fare un complimento. Insomma, per dirla in breve, il suono non è mai caotico, le ritmiche non sono mai confuse, le melodie, gli interventi solistici, le armonie vocali, non appaiono mai approssimative ed imprecise. L’opera si identifica come un costrutto sensato, assai misurato, estremamente ponderato anche quando, inaspettatamente, la band si dedica alla realizzazione di contesti meno forsennati, come in "Delusions Of Grandeure", una ballata semi-acustica che ha il pregio di riunire la rarefatta delicatezza della migliore cultura celtica, alla potenza dell’epic metal più sontuoso e magniloquente.

84/100



Søren Adamsen: Voce
Michael Stützer: Chitarra
Morten Stützer: Chitarra
Peter Thorslund: Basso
Carsten N. Nielsen: Batteria

Anno: 2009
Label: Metal Mind
Genere: Thrash/Epic Metal

Tracklist:
01. When Death Comes
02. Upon My Cross I Crawl
03. 10.000 Devils
04. Rise Above It All
05. Sandbox Philosophy
06. Delusions Of Grandeur
07. Not A Nightmare
08. Damned Religion
09. Uniform
10. The End

Sul web:
Artillery

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.