Home Recensioni Album Mogador - Absynthe Tales Of Romantic Visions
Banner

Mogador
Absynthe Tales Of Romantic Visions

La politica dei piccolo passi. In avanti ovviamente… E’ la strada dal trio dei Mogador. Dopo il piacevolmente acerbo esordio omonimo del 2009, il raffinato concept All I Am Is Of My Own Making dell’anno successivo aveva mostrato una band in notevole crescita stilistica e di personalità.

Sensazione che Absynthe Tales Of Romantic Visions non può che confermare ed avvicinare il gruppo alla piena maturità. Sempre in tre, ma con Paolo Pigni (basso) rimpiazzato da Marco Terzaghi (voce) oltre agli “storici “Luca Briccola (chitarre, tastiere, basso, flauto e orchestrazione) e Richard Allen (batteria e voce). Come sottolineato nelle note di copertina il filo conduttore dell’album è rappresentato da liriche di artisti (Baudelaire, Wilde, Blake…) che avevano una certa “familiarità” con l’assenzio del titolo.

Paradossalmente il primo brano è interamente strumentale ed ispirato da un quadro del pittore romantico Caspar David Friedrich “Due uomini che contemplano la luna”. “Whispers To The Moon", questo il titolo, è il biglietto da visita dei nuovi Mogador ed evidenzia il talento di Briccola nella costruzione di raffinate, sognanti ed articolate partiture, non distante da certe soluzioni di Fabio Zuffanti  con i suoi Hostsonaten.
Absynthe Tales Of Romantic Visions non lascia indifferenti anche per la capacità camaleontica della band di affrontare suggestioni diverse: l’hard chitarristico confezionato per “Dreamland”, la delicatezza virginale di “She Sat And Sang” (con liriche di Christina Rossetti), i Fairport Convention rivisitati ed inaspriti in “Where Were  Ye All”.
Hardships” naviga anch’essa tra introspezioni acustiche e corposità heavy mentre la brevissima (meno di un minuto) “The Sick Rose” vede la presenza alla voce di Jon Davison (Glass hammer-Yes) per un cameo di gran classe.

Meno ricchi di fascinazione i brani finali. In particolare ha un po’ il sapore dell’incompiuta, o meglio, del “convenzionale” ,“Prometheus “ la suite conclusiva, vicina alle sonorità sviluppate nei primi due album. Tutto ciò non toglie valore all’album che si pone fra le uscite più valide del 2012 del progressive italiano. Proprio bravi. Chiudiamo con una nota di campanile: finalmente un valido gruppo prog comasco!!



Richard George Allen: Batteria, percussioni, voce, basso
Luca Briccola: Tastiere, chitarra, basso, flauto, batteria
Marco Terzaghi: Voce, chitarra

Anno: 2012
Label: Mentalchemy Records
Genere: Progressive Rock

Tracklist:
01. Whispers To The Moon
02. DreamLand
03. She Sat And Sang
04. We Never Said Farewell
05. Where Were Ye All?
06. Hardships
07. Incantation Of The Muse
08. The Sick Rose
09. Alone
10. Song Of Saul Before His Last Battle
11. Le Poison
12. Prometheus
13. Absinthe Rag (Ghost Track)

Banner

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.