Home Recensioni Album Hostsonaten - Autumnsymphony

Hostsonaten
Autumnsymphony

Dalle splendide illustrazioni tratte dalla Bibbia di Borso d’Este che accompagnavano la musica in “Springsong” sono passati quasi 10 anni. Si trattava della quarta parte del “Ciclo delle stagioni”, progetto “aperto” a nome Hostsonaten, cioè Fabio Zuffanti e collaboratori. L’intento, creare una sorta di sinestesi tra musica e il ciclo naturale delle stagioni. Poi il terzo capitolo, Winterthrough, un ulteriore passo in avanti creativo e, a tratti, il ricordo, nelle sonorità, degli Ezra Winston di “Ancient afternoon”. Dapprima, quindi, la primavera, la nascita, la giovinezza, la spensieratezza; poi l’inverno, il buio, la vecchiaia, la morte.

Ora con “Autumnsymphony” gli Hostsonaten, nella loro maturità, vogliono celebrare la stagione del raccolto. Sensibilità. Una finestra aperta sull’autunno. Il flauto di Marco Moro, rimandi jazz-rock, le note struggenti del piano di Robbo Vigo ci portano alla seconda traccia “Leaves in the well”. Protagonisti l’elettrica di Nahum (molto hackettiana), un bel solo di moog di Fabio ed il flauto che ci riprende per mano con la sua vena malinconica.
Out of water” è un altro saggio di bravura e semplicità: tenue note di piano, il flauto, gli archi, una forte sensazione di sospensione, di attesa. Il debole sole che sfiora l’acqua di un torrente. Sinestesi. E’ la volta poi di “Nightswan pt. 1 e pt.2”: quasi preludio, nel suo pacato ed “effettistico” incedere la prima parte, più movimentata la seconda, tra Camel, Premiata e ... Hostsonaten!!
Poteva mancare Edmondo Romano ospite in un Zuffanti project ? Certo che no!
Eccolo alla cornamusa su “As the night gives birth to the morning” e al sax nella successiva “Trees in november”. Non è più notte. Non è ancora giorno. La nebbia. Uno sbadiglio. Il risveglio. La musica è sempre delicata, soffusa, condotta dalla tromba di Michele Bernabei, mentre un crescendo ritmico ci conduce “agli alberi in novembre”. Notevole il drumming discreto di Federico Foglia, l’onnipresente flauto, l’alternarsi fra elettrico ed acustico ... Davvero bello.

La voce, o meglio, i vocalizzi di Simona Angioloni, sono il perfetto ingrediente per la bucolica “Elegy” che anticipa “l’ultimo respiro dell’autunno e le porte dell’inverno”. L’incedere quasi marziale della batteria va a sancire “l’esecuzione” dell’autunno e l’approssimarsi del generale inverno, riprendendo brevemente dei temi musicali presenti su “Winterthrough” ( in altri brani sottili rimandi anche a “Springsong”).
Spiace che il finale sia così repentino, tanto il piacere del sentirsi cullare da sì belle e struggenti note.
Coinvolgente. Come il rumore dell’anima.

85/100


Fabio Zuffanti: Basso, chitarre, mellotron, minimoog
Federico Foglia: Batteria
Pietro Martinelli: Double bass
Carlo Barreca: Staick
Giacomo Villa: Violoncello
Osvaldo Loi: Viola, violino
Marco Moro: Flauto
Andrea Benassi: Oboe
Michele Bernabei: Tromba
Edmondo Romano: Sassofono
Robbo Vigo: Gran piano
Matteo Nahum: Chitarre
Simona Angioloni : Voce

Anno: 2009
Label: BTF
Genere: Progressive Rock

Tracklist:
01. Open windows to autumn
02. Leaves in the well (Including Riverbank prelude)
03. Out of water
04. Nightswan i
05. Nightswan ii
06. As the night gives birth to the morning
07. Trees in November
08. Elegy
09. Autumn's last breath / The gates of winter

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.