SBB
Iron Curtain

Stampa

Gli ultimi due anni sono stati intensi per la band polacca: un album in studio ( “The rock”) ed un dvd live ( “Four decades”). “The rock”, seppur discreto, aveva lasciato talvolta perplessi per qualche episodio poco riuscito e lontano dalle sonorità che ci avevano fatto apprezzare la band. La prova concerto, era stata invece positiva, non solo per le capacità “on stage” dei nostri, ma anche per lo scontato recupero dei cosiddetti “classici” che avevano dato lustro agli SBB negli anni ’70. Curiosità ampiamente giustificata, pertanto, per il nuovo “Iron Curtain”.

9 brani (la versione digipak ne contiene 2 in più ... operazione quantomeno discutibile) e sprazzi di vibrazioni che riportano indietro nel tempo. Nessuna concessone alla lingua inglese stavolta, ( i 6 brani cantati sono in polacco, 3 gli strumentali ), nessun ritorno (preventivabile peraltro) alla “suite”, ma una consolidata forma canzone; un supporto ritmico sempre ragguardevole (amo molto il modo di suonare di Gabor Nemeth) e due grandi protagonisti: Jozef Skrzek (tastiere, basso e voce) e Apostolis Anthimos (chitarra e percussioni).

Significativa la title-track con un pianoforte soffice, una pastosa chitarra e la voce roca e sofferta di Skrzek. Incantevole lo strumentale “Defilada” con evidenti richiami ai ’70 in una sorta di improvvisazione di gruppo ed un grido (Freedom) che ci ricollega idealmente al “Follow my dream” di 30 anni prima.
Riflessioni jazz-fusion impreziosiscono “Camelele” e “Opowieść“, mentre uno spiccato spirito “percussivo-tribale” caratterizza “Błogosławione dni“ con rimandi psichedelici molto particolari.
Riuscito anche un altro breve strumentale “Sunrise” ( di Anthimos) condotto essenzialmente dall’elettrica dell’autore; o ancora “Góry tańczące” ( di Skrzek ) con delle eco di “classica” primi del ‘900.

Un buon album nel complesso che ci mostra una band ancora ispirata e desiderosa di emozionare come sempre.

80/100


Józef Skrzek: Voce, basso, piano, minimoog, micromoog, tastiere
Apostolis Anthimos: Chitarra
Gabor Nemeth: Batteria

Anno: 2009
Label: MetalMind
Genere: Progressive Rock

Tracklist:
01. Iron Curtain
02. Defilada
03. Camelele
04. Rozmowa z Mistrzem
05. Opowieść
06. Błogosławione dni
07. Sunrise
08. Góry tańczące
09. Dopóki żyje matka jesteś dzieckiem

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.