Album

Ron
Sono un figlio

PDFStampaE-mail

Scritto da Roberto Cangioli Domenica 02 Ottobre 2022 21:18

…e gira che ti rigira si torna sempre al centro della musica. “Quello era il centro della musica, quando i cantautori avevano da raccontare le sofferenze, gli anni bui…”

Durante la conferenza stampa per la presentazione di “Sono un figlio”, primo disco di inediti a 8 anni dal precedente “Un abbraccio unico”, Ron (Rosalino Cellamare) ci è parso quanto mai schietto, genuino. Proprio vero che con l’avanzare dell’età non si ha più remore a dire la propria opinione su vari argomenti attinenti al panorama musicale odierno, pur con sagacia e tocco “[…] i rapper raccontano, parlano di temi importanti, ma le loro canzoni non mi arrivano, non mi trasmettono emozioni […] una volta il festival di Sanremo era basato sulle canzoni; ora si punta più sui personaggi, su chi canta […] “ (e non su cosa si canta, ndr); non solo, ma questa volta Ron apre le porte della sua storia familiare attraverso i brani di questo album, dedicato alla memoria di suo padre Savino, scomparso nel 2010.

Ad accompagnare il cantautore pavese in questo intenso album alcuni dei musicisti che lo hanno accompagnato nel suo ultimo tour dedicato a Lucio Dalla, cui Ron è stato artisticamente legato per molti decenni, almeno fino agli anni ’90, come racconta nella sua biografia “Chissà se lo sai” (Piemme editore 2015), anche se la collaborazione con l’autore bolognese proseguirà anche nel nuovo secolo. Le collaborazioni d’altro canto sono una caratteristica della carriera di Ron, poiché “C’è sempre la curiosità di scoprire nuovi talenti, di collaborare con loro”, a partire da Biagio Antonacci, che reduce dal festival di Sanremo con “Voglio vivere in un attimo”, nel 1988 lo accompagnò durante la promozione del tour de “Il mondo avrà una grande anima”, fino alla collaborazione più recente con Leo Gassman che in questo disco ha scritto e cantato insieme “Questo vento”, una canzone che mette a confronto due generazioni distanti, ma con la voglia di imparare reciprocamente e la speranza di disegnare un mondo diverso. In questo brano il giovane cantautore romano ha scritto di proprio pugno il testo da lui interpretato.

Riferendosi a questa collaborazione e più in generale agli incontri con le nuove generazioni (nella sua biografia Ron narra la sua decisione di aprire anni fa una scuola di musica o di come sia finito a bere e a discutere insieme ad un gruppo di adolescenti che avevano presenziato per caso ad un suo concerto e si chiedevano chi fosse) il cantautore afferma: “Nonostante l’esperienza, continuo a pormi domande, bisogna porsi domande, sempre […] e anche se una volta facevo note altissime e le mie corde vocali mi presentano delle gravità che prima non avevo, l’emozione di cantare resta altissima, perché la musica mi salva sempre […] soprattutto durante il periodo che tutti abbiamo sperimentato, all’inizio non toccavo un tasto del pianoforte, non avevo voglia di ascoltare musica. Invece con il passare dei giorni ho capito che questo momento poteva servire per guardarsi ancora di più nell’intimo, per ascoltare il proprio cuore […]

Da questa esperienza, dai riaffiorati ricordi e dalla presa di coscienza che il nostro domani può cambiare da un momeno all’altro, nasce la volontà di raccontare per la prima volta in musica la storia dei suoi genitori. “Sono un figlio”, asieme ad “Annina”, sono difatti le uniche due canzoni dell’album firmate in toto dall’autore e forse le più “intime”. “Annina” è l’invito ad ogni donna a vivere l’attimo senza curarsi della propria immagine allo specchio; un consiglio quanto mai attuale dopo il momento in cui molti di noi hanno vissuto sietro a una finestra senza più relazioni per un bel po’ di tempo. Molte le collaborazioni ai testi (ma anche per le musiche) in questo album, che riguardano parolieri e musicisti  “collaudati”, ma anche giovani autori: Guido Morra, Maurizio Fabrizio, Bungaro, Giulio Wilson, Niccolò Agliardi, Edwyn Roberts, Mattia Del Forno de “La Scelta”, Cesare Chiodo, Rakele, Donato Santoianni.

Bungaro, asieme a Cesare Chiodo e Rakele, ha firmato “Più di quanto ti ho amato”, un brano drammatico e straordinariamente intenso, cui è stato anche dedicato un commovente video. La curiosità è che questa composizione e la sua armonizzazione - molto “orchestrale” - ricorda un altro bellissimo brano autunnale che ha dato anche il nome alla casa editrice di Ron, ossia “Le foglie e il vento” e ci piace pensare che tutto sommato vi sia un leggereo fil rouge tra quel brano scritto ormai 30 anni fa e questo.

Un altro brano orchestrale a detta dello stesso Ron è il conclusivo “I gatti”, scritto assieme a Giulio Wilson Rosetti e Valter Sacripanti e scelto per l’uscita dell’album. È una canzone poetica e malinconica in cui l’assenza di un amore che non c’è più, è riempito dalla presenza da questi “strani esseri extraterrestri”. Per chi scrive il brano più coinvolgente sotto ogni aspetto, assieme al già citato “Più di quanto ti ho amato” e a “Un’astronave nel cielo” (scritto da Mattia Del Forno della band “La scelta”), in cui sono espresse le paure che si porta appresso il sentimento unico dell’amore, o forse il contrastato senso del darsi e non darsi all’altro, la nascosta eppur sempre presente paura di farsi e fare del male a causa delle  nostre fragilità; una melodia intensa sottolineata dalla raffinata presenza di Paolo Fresu alla tromba.

È infine un amore mai rivelato se non attraverso le lettere quello descritto dal brano “Nelle lettere” ad opera di Niccolò Aglliardi ed Edwin Roberts, suo collaboratore da un decennio; una delicata canzone in cui si racconta dell’impossibilità di esprimersi se non appunto attraverso le lettere (argomento tanto caro a Ron, in quanto in passato prolisso scrittore di lettere), che ci sostengono per sentirsi “vivi”.

È forse paradossale, ma per stessa sua ammissione, la canzone cui Ron è in assoluto più legato è una “cover”, ossia quella del cantautore americano Danny O' Keefe, “Una città per cantare” (“The Road”, inizialmente pubblicata nel 1972 e poi incisa nel 1977 da Jackson Browne), canzone che ha in qualche modo siglato il suo ingresso nel mondo dei cantautori con l’album omonimo del 1980. D’altro canto le interpretazioni di altri autori sono sempre paiciute a Ron: dopo “Una città per cantare” è stata la volta di “Cosa farò” (“Lonely Boy” del cantautore statunitense Andrew Gold), uscita in “Guarda chi si vede” (1982) e poi ancora “Ferite e lacrime” (cover di “You” dei Ten Sharp), inclusa in “Vorrei incontrati tra cent’anni” (1996), fino a dedicare un intero album alle interpretazioni di canzoni straniere, ossia “Way Out” (2013). Questo album non fa eccezione, tanto che è presente “Quel fuoco”, traduzione letterale compiuto assieme alla sorella Enrica, del brano “Break My Heart Again” del cantautore e produttore Finneas, una delle “scoperte” di Ron durante il periodo di lockdown: “abbiamo adattato il testo poiché non ci è stata data la possibilità di modificarlo, ma io amavo questa canzone e quindi abbiamo deciso di tradurla assieme a mia sorella, mantenendone intatto il senso lirico”. Qual è il criterio di selezione per le canzoni eventualmente da reinterpretare? È presto detto: “sono canzoni che mi prendono, che mi emozionano”.




Ron: Chitarre, tastiere, voce
Roberto Gallinelli: Basso
Nicola Costa: Chitarra elettrica, chitarra 12 corde
Elio Rivagli Batteria
Tony Bungaro: Piano
Cesare Chiodo: Archi ed effetti
Simone Bertolotti: Tastiere
Fabrizio Bicio Leo: Chitarra Elettrica ed Acustica
Alessandro Valle: Pedal steel
Paolo Fresu: Tromba
Mattia Del Forno: Sinth e tastiere, campionamenti
Fabio Coppini: Tastiere, ritmica, basso
Camilla: Cori
Matteo Costanzo: Programmazione Sinths, Strings, Piano, Percussioni
Giuseppe Taccini: Chitarra Elettrica, Basso, Piano
Francesco Caprara: Batteria
Ismalia Mbaye/ Kora Alieu Saho: Percussioni
Giuseppe Barbera: Piano
Clemente Ferrari: Orchestrazione Archi

Anno: 2022
Label: Sony Music
Genere: Cantautori

Tracklist:
01. Sono un figlio
02. Più di quanto ti ho amato
03. Abitante di un corpo celeste
04. Diventerò me stesso
05. Un’astronave nel cielo
06. Melodramma pop
07. La stessa persona
08. Annina
09. Questo vento
10. Quel fuoco
11. Nelle lettere
12. Fino a domani
13. I gatti

 

Banco del Mutuo Soccorso
Orlando: le forme dell'amore

PDFStampaE-mail

Scritto da Gianluca Renoffio Lunedì 26 Settembre 2022 00:00



Parto dalla fine.
Ho ascoltato in anteprima, alla conferenza stampa di presentazione, il nuovissimo album del Banco del Mutuo Soccorso, intitolato “Orlando: le forme dell’amore”: grande lavoro.
Avevo accolto il precedente “
Transiberiana” come un buon disco che segnava il tentativo di affrancarsi da una storia indimenticabile e non replicabile ma sin dal primo ascolto questo nuovo album mi ha dato l’idea di essere il punto di arrivo tanto cercato e ora trovato, quello della transizione completata ad un nuovo sound, ad una nuova musica, ad un nuovo “advanced Prog”.

Leggi tutto...

 
 

The Mars Volta
The Mars Volta

PDFStampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Sabato 03 Settembre 2022 19:40

Sembra che il 2022 sarà ricordato per le reunion eccellenti dopo 10 anni di buco discografico: dopo i Porcupine Tree (ne abbiamo parlato abbondantemente QUI, anche affrontando la spinosa questione concernente il mancato coinvolgimento del bassista storico), è la volta dei Mars Volta sulla cui ricostituzione si vociferava fin dal 2019. 

Leggi tutto...

 

David Coverdale & Jimmy Page
The Studio Broadcast. 1993 Tour Rehearsal

PDFStampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Sabato 27 Agosto 2022 19:40

Questo album dovrebbe rappresentare una manna per i fan di Deep Purple, Whitesnake Led Zeppelin, giacchè aggiunge materiale prezioso ad un progetto estemporaneo - quello coinvolgente David Coverdale e Jimmy Page - che purtroppo si consuma troppo brevemente e senza consegnare ai posteri un lascito musicale di un certo rilievo, nonostante il blasone rivestito dai protagonisti.

Leggi tutto...

 
 

Crosby, Stills, Nash & Young – Déjà Vu (Alternates)

PDFStampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Sabato 27 Agosto 2022 01:33

A detta degli stessi membri, "Déjà Vu" fu assai difficile da realizzare. Già nel 1971, Stills dichiarò ad Hit Parader: "tirare fuori da noi quel secondo album fu come strapparci i denti; molte canzoni non ce la fecero e la sola traccia omonima fu realizzata dopo circa 100 interventi in studio, mentre "Carry On" fu il risultato di ben otto ore di lavorazione".

Leggi tutto...

 

The Mars Volta
Landscape Tantrums (Unfinished Original Recordings Of De-Loused In The Comatorium)

PDFStampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Mercoledì 24 Agosto 2022 21:12

Sembra che il 2022 sarà ricordato per le reunion eccellenti dopo 10 anni di buco discografico: dopo i Porcupine Tree (ne abbiamo parlato abbondantemente QUI, anche affrontando la spinosa questione concernente il mancato coinvolgimento del bassista storico), è la volta dei Mars Volta sulla cui ricostituzione si vociferava fin dal 2019 (nel momento in cui si scrive, si è appreso che il loro settimo album, il primo omonimo, verrà pubblicato a metà settembre, già anticipato dai singoli "Blacklight Shine", "Graveyard Love" e "Vigil", un trittico di pezzi che, purtroppo, non appare affatto avvincente).

Leggi tutto...

 
 

Kansas And The London Symphony Orchestra – The Symphonic Adventure

PDFStampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Martedì 23 Agosto 2022 07:52

Esce per la prima volta in vinile, con grafica e titolo cambiati del tutto, una fatica discografica edita originariamente nel 1998 soltanto in cd, intitolata "Always Never The Same".

Leggi tutto...

 

Crosby, Stills, Nash & Young – Woodstock '69

PDFStampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Domenica 21 Agosto 2022 13:21

Esce per la prima in vinile la performance completa che Crosby, Stills, Nash & Young tennero a Woodstock, la notte del 18 agosto 1969.

Leggi tutto...

 
 

Steve Hackett – Genesis Revisited Band & Orchestra: Live At The Royal Festival Hall

PDFStampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Giovedì 18 Agosto 2022 15:58

Secca terribilmente parlare non benissimo di Steve Hackett, artista molto considerato da chi scrive, anche nella sua interessante produzione solista.

Leggi tutto...

 

Genesis – BBC Nightride, 22 February 1970

PDFStampaE-mail

Scritto da Gianluca Livi Domenica 14 Agosto 2022 21:33

Nel biennio 1970-1972, con due diverse formazioni, i Genesis irruppero per ben sei volte presso i noti studi britannici della BBC.

Leggi tutto...

 
 

Pagina 1 di 272

Banner

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.