Home Recensioni Underground
Underground

Giant the Vine
Music for Empty Places

PDFStampaE-mail

Underground

Scritto da Gianluca Livi Domenica 26 Gennaio 2020 13:21

Disco estremamente interessante.
Non ci sono tracce di Crimson, Yes e Genesis, in quest'opera, come inspiegabilmente riferito nei comunicati stampa, mentre vi viene ottimamente celebrato il progressive più moderno: in tal senso, appare evidente quanto i Giant The Vine richiamino le riflessioni sonore dei Porcupine Tree più malinconici e intimistici.

Leggi tutto...

 

Francesco Piu
Crossing

PDFStampaE-mail

Underground

Scritto da Gianluca Livi Domenica 05 Gennaio 2020 11:40

Francesco Piu non è certo un novellino: pubblica oggi il suo settimo album dopo aver aperto dal vivo per artisti del calibro di John Mayall, Johnny Winter, Robert Cray, The Derek Trucks Band, Joe Bonamassa, Larry Carlton, Robben Ford, Albert Lee.

Leggi tutto...

 
 

Lost In Paradise
Fuori di Me

PDFStampaE-mail

Underground

Scritto da Gianluca Livi Sabato 14 Dicembre 2019 13:02

Ci piacciono le capacità compositive ed esecutive dei Lost In Paradise, quartetto brianzolo che manifesta una apprezzata cura negli arrangiamenti e nei testi. In bilico tra pop e rock, questa band riesce a dire qualcosa di nuovo e lo fa molto bene.

Leggi tutto...

 

Gionata
L’America

PDFStampaE-mail

Underground

Scritto da Gianluca Livi Sabato 14 Dicembre 2019 12:56

Se si riuscisse a superare la copertina tutt'altro che avvincente (l'artista ha dichiarato che si tratta di una "vecchia foto trovata sfogliando gli album di famiglia. Quando è stata scattata io ancora non ero nato eppure, guardandola, ho avuto la stessa sensazione di speranza verso il futuro che ho quando penso all’America come concetto, più che come luogo geografico"), questo album potrebbe certamente interessare.

Leggi tutto...

 
 

Sebastian Straw
Welcome Yesterday

PDFStampaE-mail

Underground

Scritto da Gianluca Livi Sabato 14 Dicembre 2019 12:41

Il sound di Sebastian Straw subisce chiare ascendenze britanniche: evidenti, nella sua musica, sono le influenze di gruppi quali Oasis, Verve, Blur e Supergrass.

Leggi tutto...

 

Freddy Delirio And The Phantoms
The Cross

PDFStampaE-mail

Underground

Scritto da Janus Lunedì 09 Dicembre 2019 17:17

Questo disco nasce da un'iniziativa della Black Widow Records, da cui è partita proposta piuttosto insistente di far realizzare un lavoro solista a Freddy Delirio, al secolo Federico Pedichini, tastierista dei Death SS fin dagli anni '90.

Leggi tutto...

 
 

Emmeffe
Trust

PDFStampaE-mail

Underground

Scritto da Alex Marenga Domenica 24 Novembre 2019 12:22

Trust è l’album d’esordio come solista di Marco Fantin ex membro degli Arcansiel e degli Infrared.

Leggi tutto...

 

UTO
This Is Opera

PDFStampaE-mail

Underground

Scritto da Gianluca Livi Domenica 17 Novembre 2019 18:55

Esordio complesso, questo degli UTO, autori, in passato, di vari EP e vincitori del prestigioso premio Arezzo Wave nel 2000.

Leggi tutto...

 
 

Cosimo Bianciardi & Intima Psicotensione
I.P.T.

PDFStampaE-mail

Underground

Scritto da Gianluca Livi Mercoledì 13 Novembre 2019 19:55

Cosimo Bianciardi vanta trascorsi quale membro o collaboratore di Idra, Kaostributo, Le Mòn, Paolo Benvegnù. 
Dietro a quest'opera, lo si percepisce fin dal primo ascolto, si cela molto sacrificio e altrettanta caparbia ostinazione.
Vi è collocata con mirabile capacità, una canzone d’autore che si dirige in varie direzioni, dall'indie al pop, con vaghe ascendenze prog e jazz.
E' palese che costui ascolti di tutto talché, nel momento in cui egli esprime la sua arte, gli pare impossibile relegarla all'interno di confini ristretti.
La cornice entro cui egli opera è piuttosto larga, meravigliosamente larga, direi.
Il cantautorato odierno è francamente ammorbante, perennemente in confronto con gli esempi profusi da illustri personaggi negli anni '70 e '80, con risultati catastrofici.
Questo cantautorato, invece, è esente da questa critica: ricco nella costruzione, prezioso nei testi, avvincente negli arrangiamenti, esprime qualcosa di interessante, richiamando ed elaborando lezioni impartite nel passato dai grandi interpreti italiani e, pur in misura più contenuta, dai complessi italiani della stagione progressiva. Pensare a questo connubio pare ardito ma è sufficiente, al riguardo, ricordare gli incontri tra De André e PFM o New Trolls, Branduardi e Banco del Mutuo Soccorso, Ullu e Perigeo, per fornire un corretto e sensato metro di paragone.
Oltremodo convincente.

Anno: 2019
Casa Discografica: Suburbansky Records
Genere musicale: Rock, Cantautorale

Band:
Cosimo Bianciardi – voce, chitarra
Fabrizio Orrigo – chitarra, cori, tastiere, pianoforte
Leonardo Carbone – basso
Umberto Bartolini – batteria, percussioni    

Tracklist:
01. Mi Sento Un Meccanismo Complicato
02. L’Uomo Obliquo
03. Tutti I Miei Demoni
04. Bersaglio
05. Non Sai Niente Di Me
06. La Grande Ipnosi
07. Carnefice
08. Il Candore
09. Il Male Indifferente
10. Deserta


 

Cadori
Emisfero Australe

PDFStampaE-mail

Underground

Scritto da Gianluca Livi Mercoledì 13 Novembre 2019 19:49

Si percepisce la provenienza home made di questa uscita discografica, ma ciò non scalfisce minimamente il talento che sta alla base delle 11 composizioni ivi raccolte. 

Leggi tutto...

 
 

Pagina 2 di 56

Banner

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.