Gionata
L’America

Stampa

Underground

Se si riuscisse a superare la copertina tutt'altro che avvincente (l'artista ha dichiarato che si tratta di una "vecchia foto trovata sfogliando gli album di famiglia. Quando è stata scattata io ancora non ero nato eppure, guardandola, ho avuto la stessa sensazione di speranza verso il futuro che ho quando penso all’America come concetto, più che come luogo geografico"), questo album potrebbe certamente interessare. Musicalmente, si naviga in ambiti synth ed elettro pop, lambendo appena l'indie. 
Una certa malinconica leggerezza degli arrangiamenti conferisce a "L’America" un sapore di decadente romanticismo: le musiche non paiono innovative, ma rispettano il suono, pur datato, che caratterizza i citati generi musicali. 
E' in ogni caso evidente che il punto forte dell'album non è nelle sonorità, quanto nei testi: la capacità di questo artista di esprimere concetti ed esperienze generalmente legati ai suoi ricordi personali, pur in maniera semplice ma fortemente evocativa, merita una doverosa attenzione.
Si segnala, al riguardo, l'intervista presente al seguente link ove l'autore analizza le liriche brano per brano.
Gionata ha certamente qualcosa da dire ma in futuro, a modesto parere di chi scrive, dovrà valorizzare la sua proposta con una produzione più adeguata, sublimata da un mentore artistico di un certo spessore (anche a livello grafico). 
In caso contrario, corre il rischio di perdersi inevitabilmente nell'underground a dir poco oceanico delle autoproduzioni nostrane.

Gionata: Chitarra, pianoforte, basso, synth, testi, musica
Jesse Germanò: Produzione, Mix
Filippo Strand:  Master
Francesco Aprili: Batterie

Tracklist
1. Frigorifero
2. Male Che Vada
3. Oceano
4. 2009
5. 8Bit
6. Dinosauri
7. Ci Toccherà Ballare
8. L'America
9. Vans
10. Firenze

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.