Home News Top News La Banda dei Carabinieri a Sanremo: la migliore risposta contro chi offende lo Stato.

L'ultima serata del 70° Festival di Sanremo si è aperta con l'Inno di Mameli, eseguito dalla Banda dell'Arma dei Carabinieri, uno fra i più noti ensemble bandistici, largamente apprezzato anche fuori da contesti squisitamente militari, al punto che alcuni giornalisti hanno coniato le definizioni "orchestra di fiati" e "Banda sinfonica che suona come un'orchestra" (si noti che la differenza tra orchestra e banda è l'assenza degli strumenti a corda nella seconda).  
Orbene, ha avuto per il sottoscritto grande significato riabilitativo nei confronti degli organizzatori la partecipazione dell'Arma dei Carabinieri ad una rassegna che ospita, tra i suoi concorrenti, anche chi in passato ha "cantato" versi oltraggiosi come "fanculo lo Stato, fanculo l'Italia, fanculo ogni membro della Polizia" (Junior Cally) o ha commentato in maniera denigratoria l'operato di Carabinieri impegnati in ordine pubblico ai concerti (Achille Lauro: "...al Festival di Vulci, vicino Montalto di Castro, è successo qualcosa di veramente raccapricciante, imbarazzante e disgustoso, al limite dell'umanità. E non parlo della tremenda alluvione, che purtroppo ha impedito l'esibizione a tutti gli artisti, parlo dei carabinieri che sostavano fuori dal festival. Ho assistito personalmente a perquisizioni, fatte alle quattro del pomeriggio, a dei bambini che avevano semplicemente delle cartine in tasca. Perquisizioni fatte da quarantenni e cinquantenni, carabinieri frustrati e falliti, che se la prendono con dei bambini che vanno a vedere tranquillamente un concerto, terrorizzandoli e calpestando la cultura, l'arte e l'espressione artistica. Tutto ciò per due canne di merda").



La presenza al Festival sanremese di una delle Istituzioni più rappresentative d'Italia, peraltro intenta ad eseguire il brano musicale a sua volta più rappresentativo dell'intero patrimonio musicale peninsulare è, per chi scrive, la migliore risposta che si possa fornire a chi è stato capace di oltraggiare il concetto di Patria con una manciata di quelli che si ha la pretesa di chiamare "versi" o con un monologo offensivo e delirante nel corso del quale si è fatta fatica a collocare in fila un soggetto, un predicato verbale e un complemento oggetto.
E' anche importante che questa risposta indossasse un'uniforme, anzi, 102 uniformi, tante quanti sono gli orchestrali che compongono la Banda: una bella espressione di orgoglioso senso di appartenenza, sbattuta in faccia a chi, invece, un'appartenenza, non importa quale, stenta evidentemente a trovarla, avendo celato il proprio volto dietro una maschera o faticando a proporre un'autonoma direzione artistica, pensando bene di saccheggiarla, la maschera, appartenuta in passato a blasonati artisti del passato.

Gianluca Livi

Banner

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.