Home News News Henry Cow: unica data italiana a Forlì

Henry Cow: unica data italiana a Forlì


Area Sismica presenta l’eccezionale riunificazione di una band che ha avuto un impatto epocale tra il ‘68 e il ’78 e che ha modificato radicalmente gli stilemi compositivi di buona parte della musica che si ascolta oggi, gli HENRY COW, il cui ultimo concerto si è tenuto nel luglio del 1978.

Unica data italiana – gli altri due appuntamenti si svolgeranno in Inghilterra - si terrà al Teatro Diego Fabbri di Forlì il 23 novembre alle ore 19.

Nati dall’incontro tra Fred Frith e Tim Hodgkinson alla Cambridge University e con Chris Cutler e Lindsay Cooper come elementi stabili, la formazione si è via via evoluta. E proprio alla fagottista/oboista Lindsay Cooper, a distanza di un anno dalla sua prematura scomparsa, è dedicato questo progetto. La triste ricorrenza ha fatto si che tutti i membri della band abbiano trovato il modo di liberarsi dagli innumerevoli impegni che non hanno mai permesso la reunion richiesta a gran voce da pubblico e critica.

In un’epoca di grandi trasformazioni sociali, i membri degli Henry Cow hanno vissuto la loro vita artistica senza compromessi, rifuggendo dalle logiche commerciali dell'industria discografica. Questa loro radicalità non ha comunque evitato un impatto notevole in termini globali. La popolarità raggiunta è stata sfruttata dalla band per contagiare altre formazioni in questa lotta che prese il nome di Rock In Opposition - RIO. Sull’onda del RIO nacquero gruppi musicali in tutto il mondo, quali Art Zoyd, Univers Zero, Zamla Mammaz Manna, Aksaq Maboul, Etron Fou LeLouBlan e gli italiani Stormy Six.

I componenti del gruppo, una volta terminata l’esperienza con la band, hanno intrapreso percorsi che li ha portati ai vertici della musica attuale, alimentando ulteriormente il mito degli Henry Cow.

Tra questi, Fred Frith ha dato origine a progetti fondamentali, quali Art Bears, Massacre, Skeleton Crew, Keep the Dog, Tense Serenity, the Fred Frith Guitar Quartet, Eye to Ear e ha composto per Arditti Quartet, Asko Ensemble, Ensemble Modern, ROVA Sax Quartet, Arte Quartett e tanti altri. Ha tutt’ora un’attività musicale frenetica nei 5 continenti, oltre che essere docente al Mills College di Oakland (California) e all’Accademia Musicale di Basilea (Svizzera).

Chris Cutler, oltre a proseguire nella carriera in qualità di musicista – come ad esempio con i superlativi Cassiber, Art Bears, News from Babel, Pere Ubu e brevemente nei Gong – è una figura fondamentale per tutti gli ambiti contemporanei per aver fondato l’etichetta indipendente Recommended Records, tra le più importanti label attualmente in attività.

Anche Tim Hodgkinson ha mantenuto un’attività di grande rilievo, collaborando con Lol Coxhill, Tom Cora, John Zorn, Evan Parker, Catherine Jauniaux, Charles Hayward, ecc. e creando formazioni quali K-Space e Konk Pack e innumerevoli progetti legati all’improvvisazione musicale.

Ci si limita qui a citare questi tre membri fondamentali degli Henry Cow, ai quali si sommano le esperienze chilometriche di tutti gli altri musicisti che nella serata del 23 novembre ridaranno vita a:

LINDSAY COOPER’S MUSIC FOR FILMS (1982- 1986)

NEWS FROM BABEL (1984 – 1986)

OH MOSCOW (1987 -1993)

oltre che ai già citati HENRY COW (1968 – 1978).

Questo progetto non è da vedere come una ripartenza della band, è un vero e proprio episodio unico, aumentando la portata dell’evento già storico di per séUn bellissimo suggello sulla venticinquennale attività di Area Sismica, che proporrà a Forlì uno dei tre eventi previsti e attesi da così tanto tempo.

L’evento è dedicato all'amico Pierantonio Pezzinga.

 

INGRESSO

€ 18 + dp su Vivaticket

€ 22 alla porta

 

INFORMAZIONI

Area Sismica - Via le Selve 23, Forlì

www.areasismica.it - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


Banner

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.