Home News News Luca Sapio: il soul man italiano che ha conquistato gli americani, in concerto a Londra il 5 e il 7 settembre


Dopo il successo ottenuto in Austria, Svizzera e Germania (tutti i concerti sold out), culminato con l'esibizione come guest star all'Harald Schmidt Show -

lo storico show televisivo del sabato sera tedesco - Luca Sapio, uno dei
migliori vocalist bianchi sulla scena soul contemporanea, presenterà live i brani del suo album d'esordio "Who Knows" insieme alla organ groovy machine Capiozzo & Mecco in due storici club londinesi (il 5 settembre all'Upper West e il 7 al The Islington). "How Did We Lose It", primo singolo estratto dall'album, diventa il singolo della settimana su I-Tunes con più di 10.000 download, entrando a far parte della playlist del popolare show americano David Letterman Show, disponibile al link di You Tube http://www.youtube.com/watch?v=87sfw8iY80E. "What Lord Has Done", secondo singolo, suonatissimo dalle radio europee, è
stato accompagnato da un EP live digitale registrato presso l'Auditorium della Radio Televisione Svizzera a Lugano ed è visibile al link:
http://www.youtube.com/watch?v=XT82LCR3nEo. L'album "Who Knows" (Aliante Dischi), prodotto dal guru della soul music Thomas "TNT" Brenneck (produttore, autore e musicista per Amy Whinehouse, Charles Bradley, Cee-Lo Green ed Erykah Badu tra gli altri) è stato registrato presso i Dunham Studios di Williamsburgh, a Brooklyn, con la partecipazione straordinaria di alcuni membri dei Dap-Kings, della Budos
Band e della Menahan Street Band (tutte eccellenze della nuova scena soul di Brooklyn). "Who Knows" è distribuito dalla prestigiosa etichetta Rough Trade e, dalla sua pubblicazione, ha ottenuto due importanti riconoscimenti: il premio SIAE come "Miglior Disco Indipendente dell'Anno" e il premio PIMI - Medimex come "Disco dell'Anno". «Non si
può cantare soul senza aver vissuto il blues.» racconta Luca Sapio citando Memphis Slim, e di blues ne ha vissuto parecchio: ha trascorso gran parte della vita lavorando, cantando e viaggiando attraverso gli Stati Uniti, collaborando con artisti di fama internazionale come Eumir
Deodato, Tony Scott, David Bianco e Juliette Lewis e aprendo i concerti di Paul Weller e Sharon Jones.

Fonte: Ufficio Stampa Parole e Dintorni




Banner

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.