Home News News Daniele Silvestri: torna a Sanremo tra impegno e ironia

Daniele Silvestri: torna a Sanremo tra impegno e ironia


In attesa dell'uscita in primavera del nuovo album di inediti, il 14 febbraio arriva l’EP “Che nemmeno Mennea”. Le due anime di Daniele Silvestri s’incontrano a Sanremo. A sei anni dal travolgente successo della sua ultima partecipazione con La paranza, il musicista torna sul palco dell’Ariston con i brani "A bocca chiusa” e “Il bisogno di te (Ricatto d’onor)”, di cui firma musica e testi.

Declinazioni diverse dello stesso talento poetico, le due canzoni incarnano, ciascuna a suo modo, l’universo musicale di Silvestri. Dai contorni intensi, “A bocca chiusa” rimanda alla tradizione del cantautorato impegnato. Voce, pianoforte con echi d’orchestra e l’uso del romanesco in alcuni passaggi per un brano che vuole essere una fotografia in “bianco e nero” di una situazione amaramente attuale:  il disagio e il malcontento sociale che invadono le piazze italiane ed europee in questi ultimi anni. Ma anche una dichiarazione d’amore, seppur disincantato, nei confronti della vita e della partecipazione sociale. Atmosfera più leggera e irriverente per “Il bisogno di te (Ricatto d’onor)” che musicalmente vira su ritmi decisamente dance e sembra alludere ad una banale storia di coppia. Ma in realtà tra le righe si delinea la storia di un rapporto insano, ossessivo, di una dipendenza quasi “criminale” tra i due protagonisti.

In attesa dell’uscita in primavera del nuovo album di inediti, il 14 febbraio sarà in vendita su iTunes e nei principali store musicali l’EP “Che nemmeno Mennea” (Sony Music). Oltre a ai due brani con cui Silvestri partecipa al Festival di Sanremo, l’EP conterrà due vere e proprie rarità: “Se fossi un principe”, demo “casalingo” di un brano inedito, registrato nel 2001, e “Che bella faccia”, in versione live, estratta da un concerto tenuto a Parigi del 2009.

Ogni partecipazione di Silvestri al Festival di Sanremo ha lasciato il segno in termini di qualità, intelligenza e originalità: l’esordio è nel 1995 nella sezione Giovani con “L’uomo col megafono” che canta seduto su uno sgabello, mostrando alcuni cartelli colorati con le frasi più significative della canzone e fa suo il “Premio Volare” per il miglior testo letterario della gara sanremese. Nel 1999 vince il premio della Critica “Mia Martini” e quello della giuria per il miglior testo con “Aria”, brano contro la pena di morte. Il 2002 è l’anno dello straordinario successo di “Salirò”, con l’indimenticabile esibizione a sorpresa nella serata finale di Silvestri insieme all’attore-ballerino Fabio Ferri, a metà strada tra la canzone d’autore e la “Febbre del sabato sera”.

Fonte: Ufficio Stampa MN Italia




Banner

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.