Home News News BarmaGrande: da oggi in radio "C'est la vie", primo singolo della reggae band italiana
Ba


Da oggi sarà in rotazione radiofonica “C’EST LA VIE”, primo singolo della reggae band buddista BARMAGRANDE, estratto dal nuovo album “LIBERTÀ”. Il video del brano, diretto da Mizuko Video e ambientato tra le strade di Nizza e Ventimiglia, è visibile sul canale ufficiale YouTube della band.

«Il brano"C'EST LA VIE" è stato composto dopo aver parlato tutta la notte con il nostro amico Rachidi El-Aliani – raccontano i BarmaGrande - un ragazzo nord africano immigrato in Europa in cerca di lavoro che ha prestato la sua voce per le prime frasi della canzone. Il testo è stato scritto in francese proprio perché è tra le lingue più parlate nel nord Africa oltre che nel Senegal e in altri paesi africani. Anche Queen Ifrica, artista giamaicana molto vicina ai temi sociali che ha partecipato al brano,  è stata felice di poter dare un messaggio di incoraggiamento a chi si trova costretto ad emigrare».

L’album “LIBERTÀ(distribuito con licenza Creative Commons BY-NC-SA 3.0 Italia), interamente scaricabile in formato mp3 dal sito www.barmagrande.net, aggiunge alle sonorità tipiche del roots reggae il messaggio della filosofia buddista e del vegetarianismo: tutti i testi sono infatti ispirati dalle parole del S.S. il XIV Dalai Lama Tenzin Gyatso e del monaco vietnamita Thich Nath Hanh. “LIBERTÀ” vede la partecipazione di alcuni dei più importanti artisti della scena roots giamaicana ed è stato coprodotto da Stephen Stewart, vincitore di due Grammy Awards con Burning Spear e con Toots and the Maytals. L’album è stato registrato nel prestigioso Harry J. Studio di Kingston (Giamaica), dove sono stati incisi alcuni degli album di Bob Marley & The Wailers, come “Rastaman Vibration” e “Catch A Fire”,  e dove hanno registrato importantissimi artisti internazionali tra i quali Rolling Stones, The Who e Grace Jones.

«Siamo andati in Giamaica con l’intenzione di autoprodurci l’album – spiegano ancora i BarmaGrande - ma durante la registrazione Stephen Stewart ha chiesto di diventare co-produttore e ha coinvolto i più grandi muiscisti reggae giamaicani nelle session di registrazione. Non ci aspettavamo che a tutti gli artisti coinvolti  interessasse così tanto il significato dei nostri testi: hanno preso a cuore il progetto, così tanto da decidere di aumentare il loro impegno con molte più ore di lavoro, dimostr andoci immenso rispetto.  I nostri testi parlano dell'interconnessione tra uomo e natura, tra le scelte alimentari e l'ambiente, la ricerca di equilibrio interiore dal quale nascerà la pace fra le nazioni, l'importanza della ricerca spirituale, della consapevolezza e della compassione, della grande ingiustizia che opprime popoli come quello tibetano al quale dedichiamo la canzone "Libertà".»

Questa la tracklist di “LIBERTÀ: “Interconnection” (ft. Big Youth), “Vegetarian man” (ft. Cedric Myton The Congos), “Back from the future” (Bernard “Satta” Collins Abyssinians), “Waiting for help” (ft. Luciano), “C'est la vie” (ft. Queen Ifrica), “My meditation” (ft. Freddie McGregor), “Good man” (ft. Franklyn Montague), “Peace in oneself” (ft. Tony Rebel), “Inner potential” (ft. Max Romeo), “Free Tibet”, “Libertà” (ft. Bob Andy).

I Barm aGrande nascono nel 1996 a Latte (Imperia), al confine tra Liguria e Francia. I fondatori del gruppo sono Emma Lercari e i fratelli Sandro e Marco Donda. Il gruppo nasce e vive vicino alla Barma Grande, la grotta preistorica culla della razza umana, dalla quale prendono il loro nome. Cantano in italiano, inglese, francese e ligure. Hanno all'attivo quattro album: “Cume Son” (1999), “Troppo Facile” (2003), “Taca Ataca” (2005) e “Musica Di Frontiera” (2009) e hanno partecipato a diversi festival tra cui il “XVII Big Reggae Festival” di Antibes insieme a Stephen Marley, Groundation e Beenie Man.

www.barmagrande.net


Fonte: Ufficio Stampa Parole e Dintorni




Banner

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.