Home Interviste Full Leather Jackets

Full Leather Jackets

I Full Leather Jackets sono una band giovane e promettente. Il loro debut album, uscito pochi mesi fa, sta ottenendo un buon riscontro di critica. I quattro ragazzi di Pieve di Cadore (Belluno) hanno saputo creare una potente miscela di heavy classico con puntate in territorio Thrash metal. Abbiamo scambiato alcune battute con Giovanni Svaluto (chitarrista e cantante del gruppo) per saperne di più. Buona lettura.  

FULL LEATHER JACKETS

Giovanni Svaluto M
: Chitarra, Voce 
Ivan Tabacchi: Chitarra
Giovanni Stefani - JJ: Basso
Matteo Panciera - Panci: Batteria




Discografia
2017 - Forgiveness Sold Out (Album)

- A&B - Il vostro Forgiveness sold out è uscito solo da alcuni mesi, ma sta già riscuotendo buoni consensi e recensioni positive (una su tutte quella su Classix Metal n. 30), siete soddisfatti di questo risultato?
- Giovanni Svaluto [Full Leather Jackets] - Direi di sì, è l’album d’esordio di questa band e la critica è stata perlopiù positiva, più di quanto me l’aspettassi sinceramente!

- A&B - Nell’album passate da brani di stampo heavy classico a pezzi thrash, la cosa è voluta o state cercando quello che sarà il vostro sound definitivo?
- Giovanni Svaluto [Full Leather Jackets] - Entrambe le cose, la band, come dicevo prima, è al debutto discografico quindi è ancora alla ricerca del proprio sound, del proprio “marchio di fabbrica”. Tuttavia è stata voluta la scelta di mantenere due venature differenti nel disco, volevamo rappresentare nel primo lavoro quel che è stato il percorso artistico che ci ha portato a registrarlo e, nel mezzo di questo percorso, c’è stato un marcato cambio di sonorità che ci ha condotto dal metal classico al thrash.

- A&B - La copertina è molto originale, direi insolita per una band heavy metal, a chi è venuta l’idea e chi l’ha realizzata?
- Giovanni Svaluto [Full Leather Jackets] - La tematica era già stata decisa all’unanimità, presente nel testo della seconda traccia che scrissi, “Son of The Morning Star”, nome che i nativi diedero al Generale Custer. La bozza della copertina è stata “partorita” da tutti e quattro, seduti in cerchio in atmosfera quasi rituale e brillantemente realizzata da Monica Lucchese, artista grafica della provincia di Treviso.

- A&B - Vi affascina la cultura dei pellerossa?
- Giovanni Svaluto [Full Leather Jackets] - Amo la cultura pellerossa. Ho letto molto sui nativi americani e la spiritualità che aveva quel popolo mi ha colpito profondamente, dall’inizio alla tristissima fine, il più grande genocidio della storia, non dimentichiamolo.

- A&B - C’è un filo conduttore tra i brani del disco?
- Giovanni Svaluto [Full Leather Jackets] - Non proprio, almeno, non c’è un concept principale che indirizza l’album. La maggior parte delle canzoni comunque è tessuta da un mix di sentimenti quali collera, ira, vendetta, misantropia, tutte belle cose insomma, buone e giuste.

 

- A&B - Giochino delle cover: “Die you bastard” dei Motorhead , “Electric eye” dei Judas Priest e “Caught in a mosh” degli Anthrax, quale suonereste e perché?
- Giovanni Svaluto [Full Leather Jackets] - Troppo difficile scegliere tra queste!

- A&B - Toglietemi una curiosità, avete mai incontrato o conosciuto il vostro concittadino “La Molla” (alias Gianluca Schiavon), batterista degli Skiantos?
- Giovanni Svaluto [Full Leather Jackets] - Non abbiamo avuto ancora il piacere purtroppo.

- A&B - Siete già al lavoro sul secondo album?
- Giovanni Svaluto [Full Leather Jackets] - Sì, siamo già al lavoro e posso dirti che il sound in generale si sta appesantendo rispetto a Forgiveness, cosa uscirà non lo so ancora, ma sicuramente sarà un po’ più heavy.

 

- A&B - Siete stati selezionati per suonare al Rock Metal Fest di Pulsano (Ta) il prossimo 18 agosto. Come siete venuti a conoscenza dell’evento e del relativo bando di partecipazione?
- Giovanni Svaluto [Full Leather Jackets] - È stato il nostro chitarrista Ivan Tabacchi a trovare il bando spulciando su internet mentre eravamo alla ricerca di date per promuovere l’album.

- A&B - Prima volta al Sud Italia? Da Pieve alla sede del concerto sono quasi 1000 chilometri, cosa vi spinge a suonare così lontano da casa?
- Giovanni Svaluto [Full Leather Jackets] - Da musicisti sì, ma io ero già stato nel Salento a passare le vacanze, bellissimo. Mille chilometri sono una bella cavalcata è vero, ma la voglia di suonare è tanta, tantissima e farlo a questo Rock Metal Fest è la ciliegina sulla torta.

- A&B - Cosa si deve aspettare chi verrà a vedervi dal vivo?
- Giovanni Svaluto [Full Leather Jackets] - Beh sai, dopo 1000 km di strada è inevitabile ci sia molto da sfogare sopra quel palco, quindi direi ci si possa aspettare quattro ragazzi picchiare violentemente sugli strumenti fino all’ultimo secondo di show!

- A&B - Vi ringraziamo per la disponibilità e vi lasciamo lo spazio per un messaggio ai vostri fans e ai lettori di "Artists & Bands".
- Giovanni Svaluto [Full Leather Jackets] - Mi raccomando a tutti quelli che sono ancora incerti se venire o meno al Rock Metal Fest, questo festival con questa scaletta [Mad Hornet, Fake Heroes, Implodead, Full Leather Jackets e Deathless Legacy - n.d.R.] è la scelta giusta per concludere in bellezza l’estate, il 18 agosto tutti a Pulsano!! Per usare una nostra espressione dialettale, "tiron do le malte!".





Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.