Generi Musicali

Sanremo 2019: le pagelle dopo la terza serata

PDFStampaE-mail

Scritto da Mattia Farci Venerdì 08 Febbraio 2019 00:37



Le pagelle di Sanremo 2019, curate da Mattia Farci, riflettute e riviste dopo il secondo ascolto


Introduzione

E’ un Festival lento dove si cerca di dare centralità alla musica.
Baglioni canta e lo sa far bene riuscendo ad abbracciare una plurità di generazioni. Meno show e più musica, questi sono gli intenti. La kermesse vorrebbe anticipare o almeno muoversi al passo coi tempi, ma risulta troppo ancorata a stereotipi musicali d’altri tempi e superati. Ancora una volta il Festival segue una direzione e la discografia italiana un’altra.



Le pagelle
.


Motta – Dov’è l’Italia
Manifesto dei nostri giorni e di una società divisa tra il pubblico e il privato, tra il senso di appartenenza e chi vuole fuggire,
tra indecisioni, dubbi ed incertezze, tra chi una direzione non l’ha ancora trovata e “tra chi vince e chi perde e chi non se la sente”.
In un mondo globalizzato, interconnesso e che scorre veloce si canta l’assenza di punti fermi.
Un testo impegnato che descrive in maniera vivida e cruda la deriva sociale del quotidiano. Ideologia o scelta di comodo?
Pregevoli le venature folk scandite con una chitarra che fa da sottofondo a tutto il brano e il titolo del pezzo “Dov’è l’Italia” che si ripete in loop.
Motta è più autore che cantante. E’ chiamato a rappresentare l’indie italiano che avanza e incalza.
Calcutta e Gazzelle restano, ad oggi, di un altro pianeta.

Sei

***

Loredana Bertè – Cosa ti aspetti da me
Come un quadro cubista di Chagall. 
Come un dipinto d’espressione tedesca.
Come un’opera architettonica di Herzog e de Meuron.
Intelleggibile come un romanzo di James Joyce.
Espressiva, spregiudicata, sovversiva e rock and roll.
Pienamente dentro alle parole che canta.
Loredana sembra posseduta dalla musica.
Vibra e si fa sentire. La sua voce graffiata fa il resto.

Sette ½

***

Boomdabash – Per un milione
Ritmo incalzante, orecchi educati all’ascolto e produzione, notevole, che fa da padrona.
Più reggae che hip-hop, con una mano tesa al pop nel senso più canonico del termine.
Azzeccata la scelta dei cori nel ritornello che rendono armonico il pezzo.
Brano che però manca di flow e di questo la metrica ne risente.
Peccato, inoltre, per l’assenza del peculiare dialetto salentino che contraddistingue tutti i pezzi del gruppo.
Ti aspetterò come il goal che sblocca la partita”.
Vivaci, radiofonici, ma, senza osare, non fanno goal.
Dov’è rimasta l’energia che ci catapulta a bordo spiaggia, risacca del mare e un drink in mano?
Molto più bravi del brano che hanno presentato.

Sei

***

Arisa – Mi sento bene
Ti aspetti un ritorno struggente, carico di simbologia, un testo sentito e quasi sussurrato da un’interprete che sa raccontare con la voce.
Ti aspetti introspezione, chiaro-scuri e sfumature che tendono al grigio.
Ti aspetti commozione, tormento e a tratti agonia.
Ti aspetti che la voce di Arisa si rompa e cada in pianto.
Il ritorno di una delle voce più intonate del panorama musicale, invece, si tinge di tutte le gradazioni di colore.
Porta a Sanremo un brano gioioso, un ritornello che funziona e un pezzo quasi fiabesco.
Si impone con la sua voce senza debordare nel virtuosismo e risultare ampollosa.
E’, naturalmente, raffinata.
Confeziona una canzone che decolla, ma non fa volare.
Si percepisce nitidamente che si sente bene e la sua urgenza di manifestarlo.
Lei si sente bene e io vorrei, per scuotere le corde del cuore, che si sentisse un po’ male…

Sei ½

***

Shade e Federica Carta – Senza farlo apposta
Shade è il plagio di se stesso.
La linea tra avere uno stile riconoscibile e risultare ridondanti è labile e a fare i funamboli su fili sottili a volte si cade.
L’equilibrio resta precario.
Il duo, già collaudato con il brano “Irraggiungibile”, si presenta sul palco dell’Ariston
cercando di reiterare l’esperimento con una ballad leggera, fruibile e con un ritornello incalzante che sale sulle note di “Scusa ma”.
La metrica è ben ripartita tra rap e melodia.
Pezzo dalla presa immediata e altamente radiofonico, ma senza pretese.

Oggettivamente: Quattro ½
Soggettivamente: Sette

***

Ghemon – Rose viola
Contemporaneo nell’approccio al canto, nelle scelte stilistiche e nelle sonorità.
Minimalista, essenziale ed elegante nel suo incedere soul.
Sperimenta e si mostra innovativo.
Rivedibile il canto.
Di nicchia, ma ben riconoscibile.

Sei

***

Ex-Otago – Solo una canzone
Arrangiamento scarno e minimalista.
Intimi nell’interpretazione.
Lavorano per sottrazione e convincono nella loro naturalezza.
In fondo è l’amore che conta e la semplicità vince sempre.

Otto

***

Nek – Mi farò trovare pronto
Elettro-pop fatto di tastiere e bassi e un’orchestra che si sente e non ne risente.
Ritmo da dancefloor, un motivo melodico strutturato in modo da fissarsi saldamente in testa e un brano che ammicca l’occhio alle radio.
Poco sanremese.
Citofonare “Fatti avanti amore”.

Cinque

***

Simone Cristicchi – Abbi cura di me
Fuori gara.
Veste con eleganza un arrangiamento pazzesco.
Si fa da parte per far spazio ad un velluto d’archi e ad un’orchestra che domina la scena.
Le sue parole librano leggere.
Delicato ed espressivo nel suo canto recitato.
Tu non cercare la felicità, semmai proteggila”.

Otto ½

***

Irama – La ragazza con il cuore di latta
Una storia fatta di violenza, maltrattamenti, sofferenza, ma anche di speranza per un domani diverso.
Cronache da prima pagina trattate con commuovente delicatezza.
Un coro gospel, un ritornello che cresce e un ritmo serrato.
Ricorda a larghi tratti Mary dei Gemelli Diversi.
Funziona e, sicuramente, coglierà l’apprezzamento del pubblico.
Il precipizio della banalità resta dietro l’angolo e ad Irama tocca camminare in punta di piedi.

Sei ½

***

Renga – Aspetto che torni
E’ virtuoso, non nel senso etimologico del termine in quanto dotato di virtù, ma nell’atteggiamento musicale,
diffuso a partire dalla metà del XIX secolo, in seguito all’affermarsi della borghesia e alla necessità per i musicisti
di stupire con particolari evoluzioni vocali il loro pubblico.
Il brano porta la firma di Bungaro e, almeno in teoria, dovrebbe rappresentare una garanzia.
Avrebbe potuto avere futuro migliore.
Piacerà (solo) alle mamme.

Quattro ½

***

Paola Turci – L’ultimo ostacolo
Buona l’esecuzione, buona l’intensità e convincente complessivamente.
Padrona del palco, della sua voce e dell’interpretazione.
Porta all’Ariston un brano che si lascia gradevolmente ascoltare in pieno clima sanremese.
Intensa.

Cinque ½

***

Ultimo – I tuoi particolari
Commistione tra il cantante pop che piace e l’autore proteso ad una ricerca musicale di qualità.
Piano e voce.
Piano è la partenza, poi la voce si sente tutta.
Buona la scelta melodica, poco robusto il testo.
Il duetto con Fabrizio Moro potrebbe dare nuova e diversa linfa al brano.
Mi sarei aspettato qualcosa di diverso dal cantautore romano a fronte del repertorio presentato fino ad oggi.
Resta il candidato più papabile alla vittoria.

Sette

***

Mahmood - Soldi
Personale, riconoscibile, gran senso del ritmo e un timbro di voce che è una sentenza.
Si propone con un brano reso innovativo dal suo modo di interpretare.
Originale anche se non adatto al panorama discografico italiano.
In francese il brano scalerebbe radio e classifiche.
Da risentire.

Cinque

***

Enrico Nigiotti – Nonno Hollywood
Di rara profondità.
Oscilla tra il non più della vita da ragazzo e il non ancora della vita da uomo.
Sguardo sognante e fiero.
Una patina di malinconia su una giacca che sente i segni del tempo.
Tempo che è andato e tempo che verrà.
In fondo siamo storie con mille dettagli, fragili e bellissimi tra i nostri sbagli”.
Un cantautore dei nostri giorni che ricorda il primo Grignani.
Credibile.

Otto

***

The Zen Circus – L’amore è una dittatura
Bandiere, tamburi e ticchettio di orologio.
Irriverenti, dissacranti e con una chiara identità.
Appino canta un testo intriso di riferimenti squisitamente politici scegliendo di presentarsi sul palco dell’Ariston con un brano senza ritornello.
Ha, per questo, il merito di svegliare gli ascoltatori del Festivàl dal torpore di strutture melodiche predefinite.
Per i fruitori dell’ultima ora invito vivamente all’ascolto di “Viva”.
Coraggiosi.

Sei

***

Einar – Parole nuove
Alla fiera della banalità Einar risponde presente.
Per un interprete saper cantare è imprescindibile.
La penna e le capacità compositive di Maiello si sentono, la voce di Einar pure, purtroppo.
Un’occasione, ingiustamente concessa, sprecata in malo modo.

Quattro

***

Negrita – I ragazzi stanno bene
Un testo sincero ed onesto.
Niente di più.
Un plauso a Cilembrini.
La libertà è non avere più paura”.

Cinque

***

Patty Pravo e Briga – Un po’ come la vita
L’esibizione sul palco non è memorabile. In qualità studio il brano acquista credibilità.
Briga ha un timbro di voce e un modo di porgere la parola unico e piacevolissimo.
Il valore aggiunto è lui che illumina la scena e, mentre canta lo special, si rendono evidenti i motivi.
Bel pezzo.

Sei ½

***

Anna Tatangelo – Le nostre anime di notte
Una ballad leggera che di certo non mira al Premio Tenco.
Una voce pulita e misurata che torna alle origini nelle scelte stilistiche.
Il brano è un pò fragile in linea con la parabola artistica della cantante.
Una brava esecutrice, molto lontana dall’essere interprete.
Già sentita.

Quattro ½

***

Achille Lauro – Rolls Royce
Non è trap, non è rap, non è indie e non è pop.
Mescola stili e generi in un brano energico fatto di rock e punk tra bassi e batterie.
Limita l’autotune, scandisce il tempo, batte il ritmo e si lascia piacevolmente ascoltare dal pubblico generalista.
Cita Elvis, Amy, i Doors e Hendrix.
Risulta a fuoco, con qualche eccesso che in gioventù può essere concesso.
Personalità da rockstar navigata.
Interessante la ricerca sperimentale.

Cinque ½

***

Daniele Silvestri e Randagio – Argento Vivo
Un testo impegnato e delle scelte musicale ben definite.
Silvestri ha stoffa e tiene ben stretto un bagaglio culturale che lo porta ad evocare
immagini dure e vive di una realtà troppe volte dimenticata.
Il suo brano è un monito e un messaggio di denuncia scandito in maniera forte.
Coglierà, con molta probabilità, l’approvazione della giuria della critica e dei giornalisti.
La coppia è ben assortita, ma non convince appieno.
Il brano è molto distante per temi e scelte stilistiche dagli standard sanremesi.

Sei

***

Nino D’angelo e Livio Cori – Un’altra luce
Neomelodico per definizione.
Nino D’Angelo è chiamato a rappresentare la canzone dialettale sul palco dell’ariston.
Lo fa in maniera innovativa portando un brano fresco fatto di sonorità attuali anche grazie al contributo di Livio Cori.
Lo sforzo del cantante napoletano è mirabile e l’utilizzo dell’autotune lo testimonia.
Meno peggio delle aspettative.

Quattro ½

***

Il Volo – Musica che resta
Dopo il primo ascolto il dubbio si palesa: serviva davvero la loro presenza al Festival?
Ci servono una rivisitazione di “Grande Amore”.
Fastidiosi, insopportabili e irritanti.
Il pubblico, per ragioni non ben conosciute, continua ad osannarli.
Vecchi giovani.

S.v.

 

 


 

Sanremo 2017: il pagellone

PDFStampaE-mail

Scritto da Pierpaolo Lopatriello Sabato 11 Febbraio 2017 13:40



Introduzione

Puntuale come le tasse il grande carrozzone mediatico-musicale del Festival di Sanremo sospende per una settimana gli eventi di mezza Italia. Volenti o no, appassionati o recalcitranti, impossibile non farsi travolgere fosse pure dai tweet cattivo, il post iconoclasta, il parere non richiesto. Sono giorni che sui social danno i numeri… Ecco i nostri.

Leggi tutto...

 

L'acquisto del vinile usato. Postfazione (riflessioni sulle croniche patologie del musicofilo e/o audiofilo)

PDFStampaE-mail

Scritto da Giuseppe Artusi Lunedì 12 Dicembre 2016 13:58

Dopo aver trattato l'argomento afferente al comportamento da attuare in tema di reperimento dei vinili usati (l'articolo, a mia firma, si trova QUI), è il caso ora di porsi una domanda fatidica: si può acquistare lo stesso disco ventitré volte?
Certo che si può, io l’ho fatto ad esempio: infatti, al momento, sono alla ventitreesima copia vinilica di Tubular Bells che entra in casa mia.
Di più: quasi la metà dei dischi che possiedo (in tutto circa quattromila, neanche uno sproposito) l’ho acquistata più d’una volta, spesso sei o sette, e anche di più, appunto.

Leggi tutto...

 
 

L'acquisto del Vinile Usato
Vademecum Essenziale per Neofiti (e non solo)

PDFStampaE-mail

Scritto da Giuseppe Artusi Martedì 04 Agosto 2015 09:20








Quando parlo della mia raccolta di vinili, una domanda che mi sento spesso rivolgere è “dove li trovi?”
Domanda che ovviamente ne compendia molte altre: a quale costo, con quanta facilità, con quanta affidabilità… Escludendo le nuove pubblicazioni, una risposta singola, sintetica alla domanda non è possibile darla; vediamo quindi i vari aspetti dell’acquisto nel mercato dell’usato,  per chi vi si indirizzi per la prima volta, o vi si dedichi solo occasionalmente.

Leggi tutto...

 

2014: il Best Of di Artists&Bands

PDFStampaE-mail

Scritto da Redazione di A&B Mercoledì 14 Gennaio 2015 23:00

Quest'anno siamo piuttosto in difficoltà a causa degli impegni e la ridotta disponibilità dei superstiti della nostra redazione. Speriamo, comunque, che questi piccoli spunti possano essere d'interesse per voi fidati lettori della webzine. Cogliamo l'occasione per augurarvi buon anno ringraziandovi come sempre! Potete espimere la vostra opinione in merito alle nostre preferenze, scrivendoci sul nostro profilo Facebook.

Leggi tutto...

 
 

La Bohème
Teatro Comunale di Ferrara, 4 Aprile 2014

PDFStampaE-mail

Scritto da Fabrizio Bugani Mercoledì 16 Aprile 2014 14:18

Pubblico delle grandi occasioni domenica 6 aprile, al Teatro Comunale “Claudio Abbado”di Ferrara, per l’ultima recita de La Bohème nella coproduzione di Fondazione Teatro Comunale di Bolzano, Teatro dell’Aquila di Fermo, Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, Teatri e Umanesimo Latino S. p. A.

Leggi tutto...

 

La Traviata
Teatro La Fenice, 24 Settembre 2013

PDFStampaE-mail

Scritto da Fabrizio Bugani Venerdì 27 Settembre 2013 16:35

Nel 160° anniversario della prima rappresentazione una delle opere più famose del maestro di Busseto, La Traviata, torna a risuonare sul palcoscenico che la tenne a battesimo nel 1853.Si tratta della ripresa dell’allestimento del 2004 di Robert Carsen, col quale il teatro veneziano riaprì dopo il rogo che lo distrusse quasi completamente nel 1996.

Leggi tutto...

 
 

La Traviata
Arena di Verona, 8 Agosto 2013

PDFStampaE-mail

Scritto da Fabrizio Bugani Mercoledì 14 Agosto 2013 16:41

Poteva essere una delusione, e invece…

È stata una serata da ricordare quella dell’8 agosto, quando all’Arena di Verona è andata in scena La Traviata di Giuseppe Verdi, ripresa dell’allestimento firmato da Hugo de Ana che aveva inaugurato la stagione 2011.

Leggi tutto...

 

2012: il Best Of di Artists&Bands

PDFStampaE-mail

Scritto da Redazione di A&B Domenica 23 Dicembre 2012 18:47

Mantenendo fede alla tradizione, pubblichiamo gli ascolti consigliati dalla redazione, relativi all'anno appena trascorso. Speriamo possano essere un buon spunto, augurandovi anche per il 2013, il massimo della gratificazione musicale. Puoi espimere la tua opinione in merito alle nostre preferenze, scrivendoci sul nostro profilo Facebook.

Leggi tutto...

 
 

Chi Salverà L’Italia Musicale? 5° Puntata – Novembre/Dicembre 2012

PDFStampaE-mail

Scritto da Fabio "Stanley" Cusano Giovedì 22 Novembre 2012 18:22

Se non siete troppo occupati a pensare a chi possa essere il nuovo candidato Premier per il PD o per il PDL, cominciate a fare scorta di buona musica per l’inverno che è alle porte. Per il 5° appuntamento di Chi Salverà L’Italia Musicale vi proponiamo come sempre, il meglio della musica nostrana underground. Che vi terrà al caldo.

Leggi tutto...

 

Led Zeppelin
Celebration Day, Live From London 2007

PDFStampaE-mail

Scritto da Fabio Loffredo Domenica 21 Ottobre 2012 13:37

10 dicembre 2007, O2 Arena di Londra, in 18 mila ad assistere ad un vero evento, ovvero la tanto annunciata reunion di una delle rock band più importanti del mondo, i Led Zeppelin.

Leggi tutto...

 
 
  •  
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  4 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  •  

Pagina 1 di 4

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.