Home Articoli Biografie The Funk Brothers

The Funk Brothers

Ecco, i Funk Brothers sono proprio questo: un universo che ha consentito alle più grandi stelle del funky e del Soul, dagli anni 60 ai primi anni 70, di brillare. Tutte le stelle per splendere hanno bisogno dell’universo.

Erano infatti i musicisti che accompagnavano tutte le grandi star della Motown.
Non solo, erano loro a scrivere la musica o interpretarla secondo i desideri dell’artista di turno.
Purtroppo pochi lo sanno e, solo nel 1989, è stata resa loro giustizia con un documentario intitolato Standing in the shadows of motown dove veniva raccontata la loro storia.

1959, Berry Gordy, fondatore della Motown, ingaggia i migliori musicisti del circuito jazz di Detroit per creare il suono della sua nuova etichetta musicale.
Di lì a poco, emergeranno artisti che hanno fatto la storia della musica: Marvin Gaye, Smokey Robinson, Supremes rivelando, finalmente, la musica nera a tutto il mondo.
Era il Motown Sound.
Ed il motore di quello stile stava nello Snake Pit - il covo del serpente - ovvero lo studio dei Funk Brothers nel quale i Funk Brothers produssero, si dice, più numero uno in classifica di Beatles, Beach Boys, Rollin Stones e Elvis messi insieme.
Questi virtuosi del jazz, sia bianchi che neri arrivavano tutti dal sud degli Stati Uniti per lavorare di giorno nelle industrie e di notte suonare nei club più fumosi di Detroit.
Alcuni di loro sono entrati nella leggenda come il compianto James Jamerson, oggi considerato il miglior bassista mai esistito. Suo il fenomenale giro di basso di What's Going On di Marvin Gaye. Scomparso per alcolismo negli anni ottanta, dimenticato da tutti, solo postumo riceve il giusto tributo e l'omaggio da molti bassisti contemporanei che gli si riconoscono debitori, fra cui Paul McCartney, Pino Palladino, Marcus Miller, John Patitucci, Garry Tallent, John Entwistle, Nathan Watts, Geddy Lee e Francis Rocco Prestia. Nel 2000, Jamerson fu ammesso nella Rock and Roll Hall of Fame.


Dal 1959 al 1962 il gruppo era composto come segue:
* Keyboards - Joe Hunter, Earl "Chunk of Funk" Van Dyke, Popcorn Wylie
* Guitars - Robert White, Eddie Willis, Joe Messina, Larry Veeder, Dave Hamilton
* Bass - James Jamerson, Clarence Isabell
* Drums - Benny Benjamin, Richard "Pistol" Allen, George McGregor, Clifford Mack
* Percussion - Jack Ashford, Eddie "Bongo" Brown
* Vibes - Jack Ashford, Dave Hamilton, James Gittens
* Trumpets - Herbie Williams, John "Little John" Wilson, Marcus Belgrave, Russell Conway, Johnny Trudell
* Saxophones - Hank Crosby, Andrew "Mike" Toney, Norris Patterson, Thomas "Beans" Bowles, Teddy Buckner, Ronnie Wakefield, Lefty Edwards, Eli Fontaine, Ernie Rodgers
* Trombone - Bob Cousar, George Bohanon, Paul Riser

Dal 1963-1967 invece i musicisti furono:
* Keyboards - Earl "Chunk of Funk" Van Dyke , Johnny Griffith, Johnny Gittens, Ted Sheely
*Guitars - Robert White, Eddie Willis, Joe Messina, Marv Tarplin, Cornelius Grant
* Bass -James Jamerson, Tony Newton
* Drums -Benny Benjamin, Richard "Pistol" Allen, Uriel Jones, Frederick Waites
* Percussion - Jack Ashford, Eddie "Bongo" Brown
Vibes - Jack Ashford, Jack Brokensha
* Trumpet - Johnny Trudel, Herbie Williams, Floyd Jones, Maurice Davis, Billy Horner, Jon "Little John" Wilson, Russell Conway, Marcus Belgrave, Don Slaughter.
* Trombone - George Bohanon, Jimmy Wilkens, Bob Cousar, Paul Riser, Don White, Carl Raetz, Patrick Lanier, Bill Johnson
* Saxophone - Hank Crosby, Andrew "Mike" Terry, Thomas Beans" Bowles, Kasuka Malia, Teddy Buckner, Lefty Edwards, Eugene BeeBee" Moore, William "Wild Bill" Moore, Angelo Carlisi, Ernie Rodgers, Dan Turner, Bernie Peacock, Larry Nozero
* Flute - Dayna Hartwick
* Strings - Gordon Staples (concertmaster) and the Detroit Symphony Strings.

Infine dal 1968-1972
* Keyboards - Earl Van Dyke, Johnny Griffith
* Guitars - Robert White, Eddie Willis, Joe Messina, Dennis Coffey, Wah Wah Watson
* Bass - James Jamerson, Bob Babbit, Eddie Watkins
Drums - Richard "Pistol" Allen, Uriel Jones, Andrew Smith
* Percussion - Jack Ashford, Eddie "Bongo" Brown
Vibes - Jack Ashford, Jack Brokensha
* Trumpet - John Trudell, Russell Conway, Herbie Williams, Floyd Jones, John "Little John" Wilson, Maurice Davis, Marcus Belgrave, Billy Horner, Don Slaughter, Eddie Jones
* Trombone - Jimmy Wilkins, Bob Cousar, Paul Riser, Don White, Carl Raetz, Patricl Lanier, Paul Johnson
* Saxophones - Hank Crosby, Kasuka Mafia,Teddy Buckner, Lefty Edwards, Bernie Peacock, Thomas "Beans" Bowles, Eugene "BeeBee" Moore, William "Wild Bill" Moore, Angelo Carlisi, Ernie Rodgers, Dan Turner, Eli Fontaine, Larry Nozero, Lanny Austin
* Flute - Dayna Hartwick
* Strings - Gordon Staples (concertmaster) and the Detroit Symphony Strings


Impressionante è la lista di artisti con cui collaborarono. Tra i tanti:
Diana Ross & The Supremes, Marvin Gaye, Stevie Wonder, Smokey Robinson & The Miracles, Martha and The Vandellas', Edwin Starr's, The Temptations', Jimmy Ruffin's, Jackie Wilson, John Lee Hooker's, Tammi Terrell's, Junior Walker and the All-Stars' Shotgun, the Four Tops, Gladys
Knight and The Pips, Mary Wells, Aretha Franklin, Sarah Vaughn, Dinah Washington.


Mentre le canzoni create furono tra l’altro:
Jackie Wilson's '(Your Love Keeps Lifting Me) Higher and Higher';
the Chi-Lites' 'Have You Seen Her,'
the Supremes' 'Stop in the Name of Love', Baby Love, Where Did Our Love Go
Marvin Gaye's 'I Heard it through the Grapevine, How Sweet It Is (to Be Loved by You) e What's Going On, Pride and Joy
Marvin Gaye and Tammi Terrell's Ain't No Mountain High Enough; Your Precious Love
Edwin Starr's War;
Smokey Robinson's Ooo Baby Baby.
The Temptations' Ball of Confusion; Cloud Nine and e Too Proud to Beg, The Way You Do the Things You Do
Stevie Wonder We Can Work It Out. Signed
Jimmy Ruffin's What Becomes of the Brokenhearted;
John Lee Hooker's Boom Boom.
Martha and The Vandellas' Heat Wave, Dancing in the Street.
E poi:
'Ain't Too Proud To Beg', 'My Guy', 'For Once In My Life', 'Wonderful One', 'I Was Made To Love Her', 'The Way You Do The Things You Do', 'Your Precious Love', 'I Can't Help Myself', 'My Cherie Amour', 'You Keep Me Hanging On', 'My Girl', 'Shop Around', 'Going To A Go-Go', 'Get Ready''Heatwave', 'Cloud Nine', 'Bernadette', 'Mercy, Mercy Me', 'Signed, Sealed Delivered, I'm Yours', 'Where Did Our Love Go', 'Ooh, Baby Baby', Uptight (Everything's Alright)
Reach Out (I'll Be There), My Baby Loves Me, Pride & Joy (Billy Preston), Baby I Need Your Loving, What Becomes Of The Broken Hearted, It's A Shame, Shotgun (Steve Winwood), What You Gonna Do, Needle In A Haystack, Function At The Junction (Steve Winwood), I Know I'm Losing You, "My Guy", "Signed, Sealed, Delivered I'm Yours", "Papa Was a Rollin' Stone", "The Tears of a Clown",
.....la lista è senza fine…...


E’ impressionante vedere nel documentario loro dedicato (forse ancora in onda sui rai sat a novembre/dicembre) come la sigla di coda sia fatta da decine, centinaia, di canzoni immortali.
Tra le tecniche innovative la doppia batteria (tripla per I Heard It Through the Grapevine). Un pianoforte giocattolo fu usato per It's Growing dei Temptations' e delle catene da neve come percussioni per Nowhere to Run di Martha & the Vandellas' .
Tra gli aneddoti raccontati quello del pianista che suonava così forte che il piano, alla fine, doveva essere sempre riaccordato; o di Robert White che ad un cameriere si vergognò di dire che era lui l’artefice delle linee di chitarra di My girl perché nessuno sapeva chi egli fosse.
Mentre quando Marvin Gaye chiamò Jamerson per What’s Goin’ On egli suonò il basso da sdraiato perché era troppo ubriaco.
Purtroppo la magia si spense con lo spostamento della Motown da Detroit a Los Angeles nel 72.
Ma è certo che anche adesso qualcuno nel mondo sta suonando o cerca di imparare i loro accordi.

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie .

Accetto i cookie da questo sito.